lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: morte di 93 pazienti con talassemia a causa della mancanza di...

Iran: morte di 93 pazienti con talassemia a causa della mancanza di farmaci In Iran

Solo l’anno scorso, a causa di insufficienza cardiaca causata dalla mancanza di farmaci e iniezione di farmaci di bassa qualità, 93 pazienti con talassemia sono morti. “Quando un’alta percentuale di pazienti talassemici muore per malattie cardiache, questo è senza dubbio dovuto alla mancanza di iniezione di farmaci o alla mancanza di medicine di qualità.

” Ha dichiarato, Meysam Ramezani, presidente del consiglio di amministrazione dell’Associazione Thalassemia in un’intervista con lo stato eseguire “Ilna New Agency” l’8 maggio 2018. Un paziente talassemico deve iniettare sangue per sopravvivere. Con l’iniezione di ciascuna unità di sangue, nel corpo si accumulano da circa 300 a 350 milligrammi di ferro, una quantità crescente di ferro ha effetti negativi prima sul fegato e poi sul cuore. Il fegato può far fronte all’accumulo di ferro, ma il cuore non può, quindi potrebbe complicarsi con sever severamente.

Ramezani ha inoltre affermato che l’anno scorso ci siamo trovati di fronte alla volatilità della distribuzione dei farmaci importati e che il farmaco non era disponibile per i pazienti talassemici in numerose occasioni e quest’anno anche il principale farmaco di talassemia chiamato “Desferal” non è stato ricevuto per tre mesi e il suo inventario è zero perché la quantità limitata di droga Desferal importata è detenuta anche in Custom come conseguenza del recente deprezzamento della valuta nel paese.

Sulla ragione della mancanza di una corretta distribuzione dei farmaci, Ramezani ha spiegato: L’anno scorso i centri di salute dovevano distribuire le società e non potevano pagare i loro debiti a loro, quando veniva chiesto perché? A loro volta hanno affermato di non essere stati pagati dalle compagnie di assicurazione, ci siamo riferiti alle compagnie assicurative e hanno anche affermato che il Ministero della salute li doveva, quindi non era chiaro chi fosse responsabile e dovessero pagare per questi costi? Di conseguenza, i pazienti poveri sono quelli che stanno pagando il costo di questa confusione con le loro vite.

Ha anche aggiunto che la mancanza di responsabilità e una cattiva gestione delle autorità ha messo in pericolo la vita di questi pazienti. Ramazani ha detto: il numero di pazienti talassemici in Iran, è di circa 18.000 persone che assumono droghe, tra cui 12.000 persone che assumono droghe estere importate, quindi non penso che il nostro paese manchi di risorse finanziarie e non possa sostenere questo costo, è tutto merito corruzione e cattiva gestione. La talassemia è una delle malattie più comuni in Iran.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow