venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran - Maryam Rajavi: “L'unica soluzione alla grave crisi nel Khuzestan è...

Iran – Maryam Rajavi: “L’unica soluzione alla grave crisi nel Khuzestan è l’aumento delle proteste e delle rivolte popolari per scacciare il regime teocratico”

La popolazione di Ahwaz si è riversata nelle strade oggi per il terzo giorno consecutivo per protestare contro il disastroso inquinamento dell’aria e le continue interruzioni della fornitura dell’acqua e dell’elettricità nella capitale della provincia del Khuzestan.

Negli ultimi giorni il regime teocratico è intervenuto con le forze repressive e i veicoli armati di mitragliatori, bloccando le strade che conducono al palazzo del governatore, al ponte sospeso e a Firefighting Square per contenere la diffusione delle proteste.  

I manifestanti hanno gridato “Morte alla tirannia”, “Morte alla repressione”, “Noi, il popolo di Ahwaz non accetteremo l’oppressione”, “I funzionari incompetenti devono essere cacciati”, “Impostore (Massoumeh) Ebtekar, dimettiti, dimettiti”, “Pulite l’aria, è un nostro diritto. Ahwaz è la nostra città”, “Polizia di Stato, vergogna!” e “Uniti, uniti!”. Poi hanno anche gridato slogan contro il Governatore del Khuzistan.

Il regime iraniano ha attuato tutta una serie di piani pericolosi nella provincia del Khuzistan, che hanno portato ad una situazione ambientale disastrosa nella zona, mettendo in pericolo la salute e la vita delle persone. Tra questi piani c’è quello  per la deviazione delle acque dei fiumi Karoun e Karkheh, l’eccessiva costruzione di dighe e l’utilizzo, da parte del Ministero del Petrolio, di metodi veloci ed economici per l’estrazione del greggio, che hanno prosciugato gli stagni e i laghi della zona, come la famosa palude di Hoor al-Azim e il lago di Shadegan.

Riferendosi alla crisi ambientale e ai crescenti problemi della popolazione di Ahwaz e del Khuzistan, la Presidente eletta della Resistenza Iraniana Maryam Rajavi ha chiesto alla nazione di contribuire a diminuire la pressione sulla povera popolazione di questa zona e soprattutto sui malati e i più vulnerabili.

“Il regime dei mullah iraniani è la fonte di tutti i gravi problemi che hanno provocato le frequenti interruzioni della fornitura di energia elettrica e di acqua, che hanno portato alla disoccupazione e alla diffusione di molte malattie”, ha detto Maryam Rajavi.

Ed ha aggiunto: “Non ci si può aspettare che i mullah, i leaders e i funzionari del regime trovino qualche soluzione. La soluzione sta nell’escalation delle proteste e delle rivolte popolari per scacciare il regime e i suoi esponenti, che hanno creato così tanti problemi alla loro vita quotidiana”.

La Presidente eletta della Resistenza Iraniana ha salutato la popolazione di Ahwaz e del Khuzistan, in particolare le donne e i giovani, esortandoli ad unire le fila per proseguire le loro proteste e le dimostrazioni di solidarietà.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow