martedì, Dicembre 6, 2022
HomeNotizieIran NewsIRAN: I parlamentari avvertono che il blackout dell'elettricità, dell'acqua e delle comunicazioni...

IRAN: I parlamentari avvertono che il blackout dell’elettricità, dell’acqua e delle comunicazioni in Khuzestan, sta diventando una minaccia nazionale

CNRI – I membri e gli esperti del parlamento del regime iraniano, hanno avvertito che il recente blackout dell’elettricità, dell’acqua e delle comunicazioni verificatosi nella vicina provincia petrolifera del Khuzestan, che ha rivelato la “negligenza” delle autorità, sta diventando una minaccia nazionale.

L’11 Febbraio molte centrali elettriche della provincia del Khuzestan si sono fermate e la fornitura di acqua e di elettricità in molte grosse città di questa provincia è stata interrotta. La situazione è stata imputata alla forte presenza di polveri e di umidità che arriva quasi al 100%.

Jalil Mokhtar, membro del parlamento del regime della città di Abadan e presidente del comitato sociale del parlamento, ha detto che la grave situazione del Khuzestan da una parte è dovuta all’emissione di particolato, e dall’altra è legata alla mancanza di aggiornamento degli esperti alle strutture e agli impianti delle città di questa provincia distrutte dalla guerra.

Questo parlamentare il 13 Febbraio ha detto: “Il governo deve scusarsi con la popolazione di questa provincia per averla insultata e, per risolvere quest’ultima crisi, porvi fine tenendo un incontro del governo in questa provincia”, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa ufficiale Mehr.

Un altro parlamentare, Abdullah Sameri, riferendosi ad una visita nel Khuzestan del Ministro per l’Energia, ha detto: “Il fatto che il ministro vada e venga dal Khuzestan, non pone rimedio a nessuna delle sofferenze del popolo del Khuzestan. Andare nel Khuzestan deve produrre risultati e il popolo del Khuzestan deve vedere questi risultati”, ha riferito l’agenzia ufficiale ISNA.

Abbas Papizadeh, parlamentare della città di Dezful, ha detto che l’inquinamento dell’aria e dell’acqua nella provincia ha portato ad un aumento delle malattie respiratorie e della pelle, tanto che a volte 20.000 persone vanno in ospedale e questo non ha la possibilità di accoglierle.

Al sito web ufficiale YRC ha detto che il governo ha cancellato il budget per combattere i particolati e che “la provincia del Khuzestan da anni sta lottando con le emissioni di particolati, ma questa questione ora sta diventando una minaccia nazionale”.

Un esperto del Ministero per l’Energia, che ha chiesto di restare anonimo, in un’intervista ha espresso il suo rammarico per la cattiva gestione delle risorse idriche, causata da “una totale imprudenza” nella logistica delle province industriali ed agricole vicine, che ha trasformato gradualmente la pianura del Khuzestan, la seconda provincia più fertile del paese, in un deserto.

Il rappresentante di Abadan al parlamento ha sollecitato una punizione per i funzionari “incompetenti” e ha detto: “Perché il presidente non prende più sul serio i problemi del Khuzestan riguardo al fenomeno delle polveri, al problema della desertificazione, a quello dei blackout, ai problemi della rete fognaria e a quelli della disoccupazione e non pone fine all’incompetenza di alcuni funzionari?”.

Mohsen Haji Mirzaee, Segretario del Governo ha detto all’agenzia di stampa ufficiale Fars: “Oggi questi incidenti rivelano trascuratezza e tutte quelle cose che avrebbero dovuto essere corrette con la previsione, oggi vengono considerate grazie a questi incidenti”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,458FollowersFollow