lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran: La visita di Rouhani in Austria è stata cancellata a causa...

Iran: La visita di Rouhani in Austria è stata cancellata a causa del rifiuto del governo austriaco di annullare la manifestazione dei Mojahedin del Popolo

Dopo giorni di dichiarazioni contraddittorie Ali Larijani ha annunciato: Dopo le dichiarazioni contraddittorie rese dai leaders del regime iraniano e dai media di stato sulle ragioni della cancellazione della visita di Rouhani in Austria, il portavoce del parlamento del regime Ali Larijani, ha annunciato il 2 Aprile che la visita era stata cancellata a causa di una manifestazione indetta dall’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI/MEK). Larijani ha espresso il suo appoggio a Rouhani per la decisione di cancellare il suo viaggio e ha detto: “Il governo austriaco ha ‘ignorato’ le richieste del team per la sicurezza del presidente iraniano di revocare il permesso alla manifestazione del PMOI durante la visita”. La Resistenza Iraniana aveva indetto una manifestazione per protestare contro la visita di Rouhani in Austria per il 30 e il 31 Marzo. La cancellazione del viaggio di Rouhani negli ultimi giorni si è trasformata in uno scandalo politico per il regime ed il suo presidente. Gli esponenti del regime inizialmente hanno cercato di nascondere la vera ragione della cancellazione del viaggio, affermando che c’erano state delle “considerazioni sulla sicurezza”, ma il presidente austriaco ed altri funzionari hanno dichiarato che non c’erano stati problemi o minacce per la sicurezza. A proposito di questo, il 30 Marzo il quotidiano austriaco Die Presse, ha citato fonti diplomatiche austriache secondo cui il governo iraniano aveva chiesto all’Austria di impedire una manifestazione durante la visita di Rouhani a Vienna, ma che il governo austriaco aveva respinto la richiesta. Heinz Fischer, il presidente austriaco, ha precisato: “Abbiamo preso tutte le necessarie precauzioni per la sicurezza, ma l’Austria non può proibire assemblee o manifestazioni. Il diritto alla libera assemblea è profondamente radicato nella costituzione austriaca… Le assemblee non possono essere proibite nella nostra democrazia”. Dopodiché Hassan Qazi-zadeh Hashemi, Ministro della Salute del regime iraniano, che doveva accompagnare Rouhani in Austria, ha evidenziato la crisi interna del regime in conseguenza della cancellazione del viaggio, ed ha scritto: “E’ opportuno approfittare politicamente del fatto che molte questioni non possano essere rese pubbliche (al di fuori della convenienza e degli interessi del paese)?” Per giustificare la sconfitta del regime dopo la cancellazione del viaggio, ha affermato che Rouhani ha preso la giusta decisione, “così da ora in poi tutti le nazioni sapranno quanto vale per noi l’onore del nostro regime”. Durante la visita di Rouhani a Parigi, la Resistenza Iraniana ha rivelato il record di Rouhani di oltre 2300 esecuzioni e lo stato vergognoso dei diritti umani in Iran, durante una grande manifestazione che ha denunciato le infamie del regime e del suo presidente, tanto che il regime iraniano ha considerato questo viaggio un fallimento. Cancellare il viaggio di Rouhani a causa di una manifestazione dei sostenitori del PMOI e della Resistenza Iraniana, dimostra chiaramente il timore dei mullah per il crescente appoggio al PMOI da parte del popolo iraniano e del debole stato del regime nell’affrontare la Resistenza Iraniana. Il 15 Marzo il sito web Entekhab, legato a Rouhani, ha invece ammesso questo fatto scrivendo: “Il provvedimento di Rouhani di cancellare questa visita reca questo messaggio, che l’Iran non è pronto a cedere, in nessuna circostanza, nei confronti del PMOI”. Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana 3 Aprile 2016

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow