domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIran: La seconda giornata della rivolta ad Esfahan con slogan “Morte al...

Iran: La seconda giornata della rivolta ad Esfahan con slogan “Morte al dittatore! Vergognati Khamenei, lascia il Paese!”

La rivolta in Iran – n° 193
Maryam Rajavi: l’affronta dei giovani con le forze di repressione, messaggeri della libertà della Patria dai tentacoli dei mullà
La popolazione della zona di Shapuor Jadid ad Esfahan ha continuato per il secondo giorno la rivolta contro il regime dei mullà, lanciando slogan “Morte al dittatore! Verganti Khamenei, lascia il Paese! Non abbiate paura, siamo tutti insieme! Il nostro nemico è qui, è una menzogna ch’è l’America!”.

Le guardie anti-sommossa e altre forze di repressione hanno caricato i manifestanti, lanciando i lacrimogeni hanno cercato di disperderli. I giovani hanno affrontato le forze del regime ed hanno incendiato gli pneumatici per neutralizzare i gas lacrimogeni. In alcune zone le forze hanno dovuto ritirarsi.
Molte vie, tra cui Amir Kabir, Moshir Addoleh, Danesh e l’incrocio di Hezar-dastan erano sceno della battaglia tra i giovani e le forze di repressione. In ogni angolo di Shapuor Jadid si alza il fuoco e il fumo e le strade sono invase di pietre e mattoni.
La signora Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, salutando il popolo coraggioso di Esfahan e la loro decisa rivolta contro l’ingiustizia e repressione del mullà ha dichiarato che: I valorosi giovani di Shapuor Jadid affrontano le forze di repressione del regime e i loro gas lacrimogeni; questi sono i messaggeri della libertà della Patria dai tentacoli del regime sanguinario che in nome della religione ha occupato l’Iran. Rajavi ha esortato tutta la popolazione, in particolare i giovani a sostenere la rivolta a Esfahan, Karaj e Shiraz.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
1 agosto 2018

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,421FollowersFollow