mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieIran NewsIRAN: La polizia repressiva picchia il proprietario di un panificio per aver...

IRAN: La polizia repressiva picchia il proprietario di un panificio per aver venduto cibo durante il Ramadan, immediate le proteste 

CNRI – Gli agenti della polizia repressiva del regime iraniano hanno picchiato il proprietario di un panificio all’inizio di questa settimana in una zona ad ovest di Tehran.

Domenica 12 Giugno gli agenti del regime sono arrivati per chiudere il panificio che si trova in Beheshti Street, ad Heidar-Abad, perché vendeva cibo durante il Ramadan. 

Il proprietario ha cercato di mostrare loro la sua licenza che gli consente di vendere cibo durante il Ramadan, ma la polizia lo ha prima picchiato e poi portato alla stazione di polizia.

Questo atto ha scatenato una protesta e gli agenti della polizia repressiva sono stati disturbati dai testimoni.

Quella stessa mattina, le forze repressive avevano chiuso diversi fast food e supermercati nelle vicinanze di Karaj, ad ovest di Tehran, come Azimieh, Kuy-E-Ghaem, Heidar-Abad e Golshahr per aver venduto cibo durante il Ramadan.

In alcuni casi gli agenti delle forze repressive hanno cercato di ricattare i proprietari dei supermercati per fargli ottenere i permessi di lavoro necessari.

Ma nonostante questo la polizia repressiva ha chiuso i supermercati e i fast food con la forza.

I proprietari hanno discusso con gli agenti che poi hanno arrestato due negozianti con la scusa dei cosiddetti “principi religiosi”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,474FollowersFollow