mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: Impiccagione di 12 prigionieri

Iran: Impiccagione di 12 prigionieri

Appello internazionale contro l’aumento delle violazioni dei diritti dell’uomo in Iran

ImageCNRI, 22 luglio – Stabilendo un nuovo record di macello e di repressione, il regime dei mullah ha effettuato all’alba di questa domenica 22 luglio dodici prigionieri a Teheran. Il procuratore di Teheran Saïd Mortezavi che ha annunciato questi notizie, ha dichiarato che la pena di morte era stata anche richiesta per 17 altri prigionieri, prima di ricordare che la settimana scorsa quattro prigionieri sono stati impiccati nella capitale. Mortezavi è quello che ha assassinato sotto la tortura quattro anni fa la photojournaliste irano-canadese, Zahra Kazemi. 

Nelle sue crisi interne ed incapace di contenere l’aumento delle sommosse sociali mentre è in fase terminale, il regime dei mollahs vede porte d’uscita soltanto nella moltiplicazione delle esecuzioni e delle punizioni barbare come lapidazione . La Resistenza Iraniana denuncia il silenzio e l’inerzia della Comunità internazionale, in particolare dell’Unione europea, dinanzi all’ampiezza di questi crimini. Sottolinea che i negoziati ed il dialogo con il regime dei mullah e la prosecuzione delle relazioni economiche e diplomatiche, non soltanto non hanno alcuna legittimità ma incoraggiano anche questo regime a continuare ed accentuare i suoi crimini. È per questo che, la Resistenza Iraniana chiama la Comunità internazionale, in particolare il segretario generale dell’ONU, il Consiglio di sicurezza e l’alto commissariato ai diritti dell’uomo di condannare le esecuzioni in Iran ed adottare misure costrittive contro questo regime crudele.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
il 22 luglio 2007

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow