venerdì, Gennaio 27, 2023
HomeNotizieIran NewsIran: Grossa manifestazione ad Ahvaz per protestare contro la visita di Rouhani

Iran: Grossa manifestazione ad Ahvaz per protestare contro la visita di Rouhani

CNRI – Migliaia di persone si sono riunite ad Ahvaz, Iran sud-occidentale, giovedì per protestare contro la presenza del presidente del regime Hassan Rouhani.

I manifestanti hanno chiesto di bloccare tutti i progetti che prevedono la deviazione delle acque dei fiumi di questa provincia verso altre zone, la costruzione della diga, il prosciugamento dei laghi, le misure per risolvere le continue interruzioni delle forniture di acqua e di elettricità provocate dalle tempeste di sabbia ed un’azione immediata per combattere la disastrosa situazione della contaminazione dell’aria.

La manifestazione si è svolta tra rigide condizioni di sicurezza. Le forze di polizia hanno bloccato tutte le strade che portavano al luogo della protesta e verso la periferia di Ahvaz, nel tentativo di impedire ai dimostranti di unire le loro fila.

Si sono visti diversi manifestanti che indossavano maschere per esprimere la loro protesta contro l’inazione di Rouhani.

Diversi agenti di polizia e della sicurezza hanno cercato di infiltrarsi nelle fila dei manifestanti, ma la gente sapeva benissimo che ci avrebbero provato e tutti si erano presentati agli altri.

Quando il convoglio di Rouhani è arrivato in città, la gente lo ha boicottato non mostrando alcuna attenzione, indicano le notizie.

In coincidenza con la presenza di Rouhani, i lavoratori della Iran Steel Industrial National Group si sono riuniti fuori dalla sede di Ahvaz nell’11° giorno consecutivo delle loro proteste nei pressi dell’aeroporto di Ahvaz. Questa manifestazione è stata organizzata per protestare contro la catastrofe della contaminazione dell’aria nella provincia del Khuzestan, contro l’impennata della disoccupazione e contro lo stato che si rifiuta di pagare gli stipendi ai lavoratori. 

I manifestanti tenevano cartelli con su scritto: “Rouhani che è successo alle tue promesse?”, “La guerra è finita… ma il Khuzestan è in condizioni peggiori che dopo un attacco chimico”.

La provincia del Khuzestan soffre a causa di tempeste di sabbia dal 2001 e gli esperti dicono che il 35% delle tempeste di sabbia proviene da centri locali.

La zona in cui si concentrano le tempeste di sabbia nel Khuzestan equivale a 350.000 ettari, dimostrano le ricerche, e questi numeri aumentano a 800.000 ettari considerando l’aumento dei venti e delle tempeste di sabbia.

Prima di tutto questo, 30.000 ettari di questi centri si trovavano in condizioni estremamente critiche e tutti localizzati ad est della città di Ahvaz e del lago di Hur al-Azim.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,889FollowersFollow