mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieIran NewsIRAn-GB: Marinai minacciati 7 anni carcere

IRAn-GB: Marinai minacciati 7 anni carcere

ImageLa Repubblica, 6 Aprile – Durante i quasi quattordici giorni di prigionia trascorsi in Iran, i quindici tra marinai e incursori britannici hanno subito "costanti pressioni psicologiche", di ogni sorta: dall’essere tenuti legati e bendati, ciascuno in regime di isolamento dai compagni, alle minacce di subire una condanna a sette anni di carcere ognuno, qualora non si fossero piegati ad ammettere il presunto sconfinamento illegale nelle acque territoriali iraniane contestato loro fin dall’arresto, avvenuto il 23 marzo scorso nello Shatt al-‘Arab a opera dei Guardiani della Rivoluzione, i ‘pasdaran’.

Dunque, le ‘confessioni’ sbandierate dai mass media della Repubblica Islamica sono state loro estorte con la forza, come del resto era evidente: e, adesso che hanno recuperato la liberta’ e da ieri sono rientrati in patria, quelle stesse ‘confessioni’ i quindici militari di Sua Maesta’ le hanno pubblicamente smentite, attraverso un comunicato congiunto diramato dalla base dei Royal Marines a Chivenor, nella contea sud-occidentale inglese del Devon, dove stanno riprendendo le forze insieme ai loro cari dopo l’arrivo all’aeroporto londinese di Heathrow, con un volo diretto da Teheran. Maltrattata in particolare l’unica donna del gruppo, marinaio scelto Faye Turney, 26 anni e una figlia piccola: fin dalla cattura fu tenuta separata dai commilitoni di sesso maschile, e in seguito le fu comunicato che essi erano potuto tornare in Gran Bretagna, e che lei era rimasta sola.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,476FollowersFollow