domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: Capo dell'IRGC minaccia provvedimenti "Tutti stanno oltrepassando le linee rosse del...

Iran: Capo dell’IRGC minaccia provvedimenti “Tutti stanno oltrepassando le linee rosse del regime”

ImageFoto: 4 Novembre 2009. Residenti a Tehran mostrano il loro odio e la loro rabbia contro l'intero regime buttando a terra una foto del Capo Supremo Ali Khamenei, calciandola e camminandoci sopra.

CNRI- Un capo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche del regime (IRGC) ha detto che attulmente tutti in Iran stanno violando le linee rosse poste dal regime: questo è quello che ha riportato Giovedi scorso l'Agenzia di stampa Fars.
Javad Maleki ha messo in luce l'imiliazione e il discredito dell'autorità del Capo Supremo del regime clericale, dicendo che la gente ha violato tutte le "santità" e "ha rotto tutti i tabù".

Maleki, il Deputato dell'IRGC a Isfahan, ha aggiunto "Dopo le elezioni del 12 Giugno, alcune persone hanno violato tutte le santità e il sistema di norme con pretesti vani..
Queste persone hanno cercato di violare le linee rosse della rivoluzione, e, come loro stessi hanno dichiarato, hanno anche rotto i tabù, e ora le conseguenze sono ben visibili in tutta la nazione. Nessuno in nessuna manifestazione popolare si permette più di violare le linee rosse stabilite dal regime, dalla rivoluzione e rispettano tutte le santità".

L'ufficiale dell'IRGC ha anche segnalato le sue preoccupazioni sulle persistenti proteste anti governative nei campus universitari, e ha detto: " Oggi, il nemico ha trasformato le università in luoghi dove giovani devoti possono essere cooptati.
Sono università islamiche in un paese islamico, e nonostante questo, un giovane devoto, membro delle forze Bassij, non puٍ protestare contro tali azioni e i professori".

"Gridando slogan che fuorviano le persone e gli studenti, che si uniscono loro, stanno oltrepassando le linee rosse. Gridano" Nè l'Est nè l'Ovest" e sono andati oltre l'Imam Khomenei, che era solito dire:" Repubblica Islamica, non una parola in più, non una parola in meno."

Il capo dell'IRGC ha proseguito dicendo " Oggi i ben conosciuti nemici della Repubblica islamica si sono uniti e si servono di Ahmadinejad e delle elezioni del 12 Giugno come pretesto per danneggiare la rivoluzione".

Maleki ha anche lanciato una minaccia:" Dato che abbiamo organi quali l'Esercito, l'IRGC, le forze Bassij, le SSF e gli organi giudiziari a nostra disposizione, non dobbiamo permettere che un gruppo di persone facciano tutto quello che vogliono contro la rivoluzione e contro il regime. Dobbiamo contrastarli con forza".
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,421FollowersFollow