mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: 13 prigionieri giustiziati

Iran: 13 prigionieri giustiziati

Nove prigionieri nel braccio della morte. Tre sentenze di amputazione della mano

I boia del regime iraniano hanno mandato al patibolo 10 detenuti a Qum e Zabol il 13 Febbraio. Uno di essi è stato giustiziato nonostante la sua richiesta di appello fosse stata presentata alla magistratura del regime. Inoltre altri tre prigionieri, di 29 e 30 anni, sono stati giustiziati nelle carceri di Jiroft e Mashhad l’11 e il 12 Febbraio.

In un altro episodio sembra che nove prigionieri siano stati trasferiti in isolamento nel carcere di Gohardasht in attesa dell’esecuzione. La Resistenza Iraniana chiede a tutte le autorità internazionali competenti di intraprendere un’azione urgente ed efficace per impedire queste esecuzioni.

Pochi giorni fa Ali Alizadeh, funzionario della cosiddetta “campagna anti-droga”, ha chiesto il proseguimento di queste pene brutali dicendo: “Modificare la pena di morte non contribuisce alla campagna e affronta le sfide”. (agenzia di stampa ufficiale Khaneh Mettlat – 5 Febbraio 2017)

In un altro caso la magistratura dei mullah di Teheran ha emesso una condanna al taglio della mano per tre individui accusati di furto. (quotidiano ufficiale Hamshahri – 12 Febbraio 2017)

Incapace di affrontare la crescente crisi interna ed internazionale e per paura di una rivolta popolare, l’odiato regime dei mullah trova come unica via d’uscita l’inasprimento della repressione. Gli esponenti del regime devono essere espulsi dalla comunità mondiale per i loro crimini disumani e devono essere processati per crimini contro l’umanità. Il silenzio e l’inazione di fronte ai crimini commessi da questo regime selvaggio negli ultimi tre decenni, lo ha incoraggiato a proseguire e ad intensificare questi crimini.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

14 Febbraio 2017

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,474FollowersFollow