lunedì, Febbraio 6, 2023
HomeNotizieDiritti UmaniIn Iran i religiosi si oppongono al cambiamento della legge sul matrimonio...

In Iran i religiosi si oppongono al cambiamento della legge sul matrimonio con bambine di 9 anni

CNRI – Alcuni membri della Frazione Parlamentare delle Donne, hanno detto che i religiosi non approvano il piano del parlamento per la modifica l’età del matrimonio.

La vice-Presidente della Frazione Parlamentare delle Donne, Fatemeh Zolghadr, in un’intervista ad ILNA News ha dichiarato che i referenti religiosi (Marja) non approvano il cambiamento dell’età per il matrimonio.

Il membro della Frazione delle Donne, Tayebeh Siavashi, in un’intervista a KhabarOnline ha anche dichiarato che il piano per cambiare l’età del matrimonio, è stato respinto.

Anche il membro del Comitato Salute del regime, Ahmad Hamzeh si è opposto a questo piano. Dice che l’aumento dell’età per il matrimonio è un fattore in grado di ridurre il tasso di natalità del paese.

Secondo le leggi iraniane, l’età minima per il matrimonio delle ragazze è di 13 anni. Ma ci sono anche norme come “l’autorità parentale per i bambini”, che consentono alle bambine di sposarsi a 9 anni.

La vice-Presidente della Frazione delle Donne ha ammesso: “Abbiamo ragazzine che si sono sposate con uomini di 40, 50 e persino 60 anni, con il permesso del padre, a 9 anni a causa del disaccordo della corte, mentre nessuno si lamenta o si oppone a questi casi”.

Il maggior numero di adolescenti sposati in Iran si registra nelle province di confine come il Sistan e Baluchestan, Hormozgan e Kurdistan.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow