mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeNotizieIran NewsIl Regno Unito convoca l'ambasciatore del regime iraniano riguardo alla petroliera Adrian...

Il Regno Unito convoca l’ambasciatore del regime iraniano riguardo alla petroliera Adrian Darya 1

Di Mahmoud Hakamian

Il segretario agli Esteri del Regno Unito, Dominic Raab, ha convocato l’ambasciatore del regime iraniano per condannare le azioni del regime contro la petroliera Adrian Darya 1.

La nave petroliera Adrian Darya 1, precedentemente chiamato Grace 1, è stata fermata ad agosto dalle autorità britanniche a Gibilterra per violazione delle sanzioni dell’UE sulla vendita di petrolio al regime siriano. È stato successivamente rilasciata dopo che le autorità del Regno Unito hanno ricevuto assicurazioni sul fatto che il petrolio non sarebbe stato venduto alla Siria.

“Il segretario agli affari esteri Dominic Raab ha condannato l’Iran per aver violato le promesse circa la petroliera Adrian Darya 1”, ha dichiarato il Ministero degli Esteri in una nota martedì.

“L’Iran ha ripetutamente assicurato al governo di Gibilterra che la Grace 1 / Adrian Darya 1 non avrebbe consegnato petrolio a nessuna entità sanzionata dall’UE in Siria o altrove”, afferma la dichiarazione dell’FCO.

“Ora è chiaro che l’Iran ha violato queste raccomandazioni e che il petrolio è stato trasferito in Siria e al regime sanguinario di Assad”.

Le azioni del regime iraniano rappresentano un’inaccettabile violazione delle norme internazionali e il Regno Unito solleverà la questione alle Nazioni Unite alla fine di questo mese, ha affermato l’ ufficio degli Affari esteri.

“L’Iran ha mostrato totale disinteresse e disprezzo circa le assicurazioni su Adrian Darya 1”, ha detto il segretario agli Esteri Dominic Raab.

“Questa vendita di petrolio al brutale regime di Assad fa parte di un modello di comportamento del governo iraniano progettato per minare la sicurezza della regione. Ciò include la fornitura illegale di armi agli insorti degli Houthi nello Yemen, il sostegno ai terroristi di Hezbollah e, recentemente, i suoi tentativi di dirottare il commercio delle navi che attraversano il Golfo “, ha aggiunto Raab.

A fine agosto gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro Adrian Darya 1 per il trasporto di petrolio iraniano in Siria in violazione delle sanzioni internazionali.

“Oggi il Dipartimento del Ministero del Tesoro degli Stati Uniti (OFAC) ha preso provvedimenti contro Adrian Darya 1, una petroliera che trasportava 2,1 milioni di barili di petrolio iraniano a beneficio della Forza rivoluzionaria islamica Corps-Qods (IRGC-QF) dell’Iran, “, ha dichiarato il ministero del Tesoro in una dichiarazione del 30 agosto 2019.

Anche il capitano di Adrian Darya 1, Akhilesh Kumar, è stato designato come parte dell’azione statunitense.

I funzionari di più alto livello dell’IRGC-QF hanno supervisionato da tempo l’esportazione di petrolio iraniano, spesso contraffacendo l’origine e inviandolo al regime siriano o ai delegati dell’IRGC-QF in tutta la regione, ha sottolineato il Tesoro.

“I pescherecci come Adrian Darya 1 consentono all’IRGC-QF di spedire e trasferire grandi volumi di petrolio, che tentano di mascherare e vendere illegalmente per finanziare le attività malvagie del regime e diffondere il terrorismo”, ha affermato Sigal Mandelker, sottosegretario al terrorismo e ai servizi segreti finanziari.

“Chiunque fornisca supporto a Adrian Darya 1 rischia di essere sanzionato. Il percorso verso la realizzazione è quello di cambiare rotta e non consentire all’IRGC-QF di trarre profitto dalle vendite illecite di petrolio. “

Commentando la designazione, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato in un tweet: “Gli Stati Uniti non guarderanno pigramente il regime di Assad che usa il petrolio iraniano per terrorizzare il proprio popolo”.

La nave petroliera Adrian Darya 1, precedentemente chiamato Grace 1, è stata fermata ad agosto dalle autorità britanniche a Gibilterra per violazione delle sanzioni dell’UE sulla vendita di petrolio al regime siriano. È stato successivamente rilasciata dopo che le autorità del Regno Unito hanno ricevuto assicurazioni sul fatto che il petrolio non sarebbe stato venduto alla Siria.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow