giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIl regime iraniano obbligato a ritirare le bugie dette contro il PMOI

Il regime iraniano obbligato a ritirare le bugie dette contro il PMOI

ImageCNRI, 11 febbraio – In una dichiarazione di ieri, il regime iraniano ha ritrattato le bugie dette a proposito  dell’arresto   dei membri della principale opposizione iraniana, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo iraniano (PMOI/MEK) in Iraq.
 
L’agenzia di stampa IRNA  ha riportato che "il consolato iraniano a Karbala Domenica ha riferito che i due iraniani arrestati in Iraq sono dei semplici pellegrini,"e ha sottolineato che non erano affiliati al PMOI .

"I diplomatici iraniani stanziati in Iraq hanno rivelato l’identità dei due iraniani agli ufficiali iracheni e ci si aspetta che verranno liberati più tardi durante il giorno", ha riportato l’IRNA.
 
Sabato un agente del regime religioso, facendo da portavoce alla polizia di Karbala, ha diffuso la falsa informazione che quattro membri dell’Organizzazione deI Mojahedin del Popolo iraniano (PMOI) erano stati arrestati in quella città.
Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI) in uan dichiarazione fatta Sabato ha detto, "Il PMOI non è presente in nessuna parte dell’Iraq tranne che nella città di Ashraf.
La fonte di queste bugie è il Qods Force dei Corpi delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC) che sta preparando lo scenario per altri attacchi terroristici contro il PMOI e gli abitanti di Ashraf."
 
Nell’esplosione dell’8 Febbraio , i terroristi del Qods Force del regime iraniano hanno distrutto la stazione di pompaggio che rifornisce d’acqua Ashraf (100 km a nord est di Baghdad), patria dei membri del PMOI.
La stazione di pompaggio  era situata a 25 km a ovest di Ashraf. Come risultato, è stato tagliato il rifornimento d’acqua ad Ashraf e a 20.000 abitanti che  vivono nella zona.
 
Il bombardamento della stazione di Ashraf è avvenuto a seguito dell’omicidio di un membro del consiglio tribale locale  il 6 Febbraio, Sheikh Hamid Ziab, che si occupava della sicurezza della stazione di pompaggio.
 
Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI) ha rivelato che il regime iraniano poche settimane prima aveva dislocato in Iraq  un certo numero di agenti del Ministero dei Servizi Segreti e della Sicurezza(MOIS) , come pure membri del Qods Force provenienti sia dall’Iran che dall’estero.
Gli agenti sono stati identificati come: Massoud Khodabandeh, Mostafa Mohammadi, Reza Akbari nasab e Alireza Bashiri. Il capo del gruppo appartenente al Qods Force è Tabatabaie.
 
Questi farabutti si stavano preparando per altri complotti con lo scopo di compiere degli attacchi terroristici contro i membri del PMOI residenti ad Ashraf.
L’ambasciata dei mullah a Baghdad li ha ospitati nell’Hotel Al-Mansur di Baghdad.
Un certo numero di agenti del MOIS e del Qods Force si trovano attualmente all’Hotel Al-Mansur di Baghdad.
 
L’8 Febbraio 2007, quattro membri del MOIS sono andati a Khalis direttamente dall’ambasciata del regime iraniano per incontrare Abdul-Rassoul Mullah Hamid Al-Saadi (aka Abu-Heidar) , capo dell’uffico locale della Brigata Badr a Khalis.
Alla riunione c’erano due comandanti delle squadre d’attacco identificati come Abu Tabarak Al- Saedi e Khezr Mohammad Ahmad (aka Abu-Osama Khalesi). L’ultimo era coinvolto in un attacco terroristico ad un autobus che trasportava dei lavoratori ad Ashraf nel Maggio 2006.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,872FollowersFollow