mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeNotizieIran NewsIl regime iraniano impicca un uomo di 70 anni dopo 14 anni...

Il regime iraniano impicca un uomo di 70 anni dopo 14 anni di carcere

Giovedì i boia del regime iraniano hanno impiccato un gruppo di nove uomini tra cui un settantenne che aveva trascorso in carcere gli ultimi quattordici anni per presunti reati legati alla droga.

Questi detenuti sono stati tutti impiccati nella prigione principale della città di Bandar Abbas, nella provincia meridionale di Hormozgan.

Gli uffici della magistratura dei mullah della provincia meridionale di Hormozgan, hanno confermato l’esecuzione dei nove prigionieri ma senza rivelarne le identità.

Secondo alcune informazioni giunte Heydar Mardani, 70 anni, è stato giustiziato mentre stava scontando una pena a 14 anni di carcere.

Le altre vittime sono: Hossein AliKhah, Ahmad Qurashi, Farhad Kianian, Mohamad Ahmadi, Mehrdad Azmand, Qassem Maziar, Heydar Moridani e Mohamad Naroui. Il più giovane aveva 25 anni.

Negli ultimi giorni c’è stato un netto aumento del numero delle esecuzioni in Iran. In sette giorni, dal 12 al 18 Aprile, almeno 81 detenuti sono stati impiccati in diverse prigioni, cioè 12 esecuzioni al giorno.

Questo netto aumento dell’ondata di esecuzioni, dopo l’accordo raggiunto nell’ambito dei negoziati sul nucleare, è una chiara indicazione della disperata necessità dei mullah di creare un’atmosfera di paura nella società per contrastare una situazione esplosiva.

I detenuti delle prigioni della città di Karaj, il 12 Aprile hanno inscenato manifestazioni di protesta dopo il trasferimento in isolamento dei loro compagni di cella in attesa dell’esecuzione delle loro criminali condanne a morte. I detenuti hanno protestato gridando: “Non ci lasceremo uccidere”. Così come i familiari dei detenuti in procinto di essere giustiziati, riuniti di fronte alle prigioni hanno gridato: “Non ve li lasceremo giustiziare”.

La Resistenza Iraniana ha chiesto ai giovani iraniani coraggiosi di esprimere la loro solidarietà ai detenuti e ai familiari dei giustiziati e li ha esortati a protestare ancora contro questi brutali assassini che avvengono in tutto il paese.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow