sabato, Novembre 26, 2022
HomeNotizieIran NewsIl regime iraniano impegnato in manovre anti-sommossa nelle prigioni per paura delle...

Il regime iraniano impegnato in manovre anti-sommossa nelle prigioni per paura delle proteste

CNRI – Il regime teocratico, per paura delle rivolte dei prigionieri, èricorso a manovre anti-sommossa in varie prigioni di tutto il paese.
Manovre simili sono già state messe in atto nelle prigioni delle città di Ardakan, Yadz, Arak, Naghadeh, Abadeh, Maragheh, Marvdasht, Ghom, Yassouj e altre. Sono state portate a termine con la collaborazione del Ministero dell’Intelligence, delle Forze di Sicurezza, dell’Ufficio del Governatore, del Dipartimento dei Vigili del Fuoco e dei servizi di emergenza di queste città.
Gli agenti del regime hanno affermato che lo scopo di tali manovre è “garantire la sicurezza nelle prigioni,” “preparazione e miglioramento della capacità di affrontare potenziali disordini e sommosse  all’interno delle prigioni,” “affrontare situazioni con rapimento di ostaggi,” “minacce,” “aumento del livello di preparazione della polizia penitenziaria, coordinamento con altri organi e controllo delle crisi.”
Nel frattempo, il 19 Marzo 2013, gli agenti “per la sicurezza penitenziaria” hanno brutalmente ispezionato i bracci maschile e femminile dei prigionieri politici nella prigione di Evin.
Le forze anti-sommossa al comando dell’IRGC hanno anche partecipato a varie esercitazioni per contrastare “le proteste popolari” a Tehran.
Queste manovre repressive in varie prigioni e città servono a reprimere le rivolte dei prigionieri contro le orribili condizioni delle prigioni, l’esplosione della rabbia popolare e le masse di gente affamata, in particolare alla vigilia delle elezioni-farsa del regime.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
25 Marzo 2013

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow