mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieIran NewsIl regime dei mullah è colpevole di aver disumanizzato l'Iran

Il regime dei mullah è colpevole di aver disumanizzato l’Iran

“E ‘terribile che i mullah e la loro misoginia, non solo abbiano distrutto il concetto di donna, ma anche ribaltato il concetto della condizione umana” ha detto Ingrid Betancourt il 9 marzo a Parigi.

Ha parlato al fianco di Maryam Rajavi, Presidentessa eletta della Resistenza iraniana, e un migliaio di personalità, parlamentari e donne provenienti da 40 paesi di tutto il mondo, in solidarietà con le donne iraniane e le donne di Ashraf e Camp Liberty. Ecco i punti di rilievo dell’intervento di Ingrid Betancourt:

Perché siamo qui oggi? Perché noi siamo sul giusto lato. Dato che nella celebrazione del giorno della donna, abbiamo pensato di venire insieme qui per denunciare ciò che non possiamo più accettare.

Nel mondo di oggi, un modo per esaminare il valore della democrazia, è vedere come le donne sono trattate in un sistema politico. E oggi, dobbiamo denunciare un tirannico, dispotico, dittatoriale, ma soprattutto un misogino regime.

Perché è per mano di un gruppo di uomini che sono decise le leggi che rendono le donne un nemico pubblico, un nemico della società? Perché gli uomini hanno preso il potere di rendere le donne un cittadino di seconda classe? Perché per il regime dei mullah, le donne sono diventate paria?

La risposta, per coloro che sanno poco di politica , è semplice e terribile. Coloro che seguono gli insegnamenti di Machiavelli sanno che bisogna dividere per regnare. E i mullah hanno costruito il loro potere in una società fatalmente, e fondamentalmente divisa. Essi hanno approvato leggi che ci fanno vergognare. Hanno approvato leggi in cui le donne sono diventate cose, oggetti di consumo, rapporti, di transazione. Che cosa significa un regime religioso, basato sul concetto di Dio che si vuole rendere nemica della donna? Il Dio dell’Islam, come il Dio cristiano come il Dio universale, è un Dio che ama , non distingue tra un maschio o una femmina. Egli è un Dio sopra i generi.

Ma se abbiamo uomini che hanno costruito il loro potere distorcendo l’immagine di Dio, al fine di schiavizzare le donne, le persone devono capire che hanno costruito un sistema che può solo vergognarsi di proclamare Dio. Perché, vedete, è terribile assistere ai comportamenti dei mullah e alla loro misoginia, non solo che hanno distrutto il concetto di donna, ma semplicemente distrutto il concetto di condizione umana. Essere umano, non essere un uomo. L’essere umano, non sembra per i mullah riguardare anche la donna.

Nel regime dei mullah, la sete di sterminio, la riduzione in schiavitù delle donne ha prodotto un uomo alienato da se stesso e in se stesso. Non è solo una donna ad essere stata alienata dal prodotto di queste leggi e ideologia . Anche l’uomo è diventato pazzo. E’ alienato perché l’uomo nasce dal grembo di una donna, è cresciuto con le sue sorelle e fratelli, si è sposato con una donna e probabilmente morirà guardando per l’ultima volta un essere umano che ha il volto di una donna. Questo è il motivo per cui il ‘regime è colpevole di disumanizzare l’Iran, rivelando il desiderio di dominio e di potere, credendo che l’ uomo possa essere uguale a Dio, e mirando a distruggere e annientare la donna che si trova accanto a lui. E’questo orrore che dobbiamo denunciare. Questo è l’uomo che il regime ha plasmato, e che disumanizza l’uomo stesso, questo lo dobbiamo denunciare. Perché non ci può essere umanizzazione del mondo, se non in un mondo in cui le donne e gli uomini sono uguali nella loro condizione umana.

Come si può accettare, e anche solo immaginare un mondo in cui la donna non ha alcun diritto, non ha nemmeno il diritto di scegliere come vestirsi? Ma sempre più, tutto ciò è stato negato , tutti i diritti della donna sono spariti, non può prendersi cura dei suoi figli, perché la custodia è negata, ha un figlio e lei sa che ne sarà privata nonostante la donna, essendo madre ha dedicato la sua vita al figlio, il regime sceglie che la donna debba privarsi di ciò che è il più prezioso per lei, e ciò è disumanizzante, ed è sempre peggiore perché suo figlio così crescerà in uno stato che gli farà credere che le donne non hanno il diritto di parlare con un pari; il figlio crescerà in un mondo narcisistico, ultra maschile, in cui l’uomo è condannato ad essere Dio triste e solo .
Mi sono emozionata, quando ho saputo dell’ennesima persona morta, uccisa, assassinata un mese fa a Camp Liberty sotto la criminalità organizzata dei bombardamenti, controllato a distanza da parte dei mullah a Teheran in Camp Liberty.

Era, come la maggior parte dei leader di questo movimento Mujaheddin del Popolo, una donna dai molti talenti. Ha iniziato combattendo lo Scià di Persia, e ha vinto. Ma la sua vittoria era stata derubata dal regime di Khomeini. E lei si era opposta al regime di Khomeini e aveva lottato per questi valori, i principi, gli ideali. E lei era stata fatta prigioniera, e torturata per cinque anni in carcere dal governo di Khomeini. Fu una fortuna che insieme a lei migliaia di altre donne furono in grado di fuggire e rifugiarsi, questa volta in Iraq. E poi la sua fuga, si è conclusa con altri combattenti come lei, che pensava di potersi ricostruire un’altra vita, prendere i suoi sogni e combattere, insieme ad altre donne straordinarie che, come lei, avevano vissuto e sopravvissuto nella tirannia di Khomeini e che, come lei, avrebbero voluto ricostruire l’Iran degno degli uomini e delle donne . Questa è la donna che è morta un mese fa.

E sono molto confusa e contrariata perché mi chiedo fino a che punto noi, come donne, che abbiamo il diritto di parlare, che abbiamo il diritto di viaggiare, che abbiamo il diritto di amare e non amare, che abbiamo il diritto di dire quello che pensiamo, siamo state complici di questo crimine contro questa giovane donna, perché eravamo troppo tranquille, perché non abbiamo abbracciato abbastanza la sua lotta, perché non abbiamo compreso a sufficienza, perché nel mondo di oggi, il nostro nemico è la menzogna e il nostro nemico è il pregiudizio. E che si trova di fronte ad un muro di pregiudizi che dobbiamo combattere.

Siamo complici del crimine dell’ ignoranza. Un terribile crimine è quello di credere che abbiamo capito tutti quando non capiamo. A credere che la lotta delle donne in Iran non ci tocchi affatto in Occidente. Perché abbiamo i nostri diritti, ed è ancora molto strano le donne che sono nell’Islam e al tempo stesso si ribellano contro un regime islamico. E pensiamo che le donne in Iran vogliono essere coperte dal velo, vogliono vivere in un mondo che le discrimina . Perché? Per seguire il Profeta. E noi lo crediamo, nella nostra ignoranza occidentale perché c’è una disinformazione di massa.
Quindi sì, siamo complici. Complici nel non voler guardare, non voler capire, rimanere radicate nella nostra convenienza, guardare dall’alto in basso le nostre libertà ci sentiamo così sicure, così intoccabili e inviolabili, se non per la disgrazia degli altri.

Quindi, in questo buio, terribile, doloroso, c’è una voce, e vi è una luce. C’è una voce di donna che parla per tutte le donne in Iran che sono state torturate e uccise. Parla per tutte le donne in Iran che sono in carcere, sotto tortura. Parla per tutte le donne in Iran che sono state violentate e accusate di complicità. Sente e parla di tutta la tristezza, tutta la solitudine e la indegnità di quelle persone che soffrono in silenzio. Questi sono donne e uomini coraggiosi che non accettano il trattamento che il regime clericale vuole imporre alla loro madre, alla loro moglie, alle loro sorelle. Questi uomini che hanno combattuto e denunciato e si sono resi conto che questo regime in realtà declina, aliena e disumanizza.

Anche questa voce abbiamo sentito oggi, l’ incredibile Maryam Rajavi che nel suo discorso rivela la profonda dignità dell’essere umano, non come un iraniano, uomo o donna, ma come un essere umano, un rappresentante e una voce di questo pianeta. Voce di questa generazione, di tutte le persone nel mondo che hanno cercato la verità, la lotta per la verità e la lotta per quello che arriva con la verità, vale a dire la libertà.

Questo è l’onore, perché si deve essere molto coraggiosi per portare avanti una lotta del genere, che vuole una donna alla pari dell’uomo. Devi essere molto coraggioso a parlare non solo per te stessa, la tua famiglia, le tue sorelle e i tuoi genitori , ma per parlare del tuo paese e della regione, e tutte le donne arabe che sono state private della loro primavera. Li abbiamo visti camminare, li abbiamo visti rivendicare la loro libertà. E vediamo come questo velo nero cade su di loro troppo spesso. Dobbiamo gridare la nostra indignazione nei confronti di quelli che uccidono le donne arabe che combattono per la libertà. Maryam Rajavi è molto coraggiosa a parlare e a occuparsi delle donne orientali, soprattutto perché è una donna che denuncia la distorsione che questo regime ha fatto dell’Islam, e ha avuto il coraggio di dire a tutto il mondo che l’Islam è il mezzo distorto illegalmente per gli interessi di un gruppo di uomini che mascherano la loro sete di morte e la discriminazione nel nome di dio. E noi non lo accetteremo. Non accetteremo che Maryam Rajavi rimanga sola sulla scena internazionale a far rispettare i diritti delle donne. Saremo con voi per tutto il tempo, fino al giorno della liberazione dell’Iran.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow