mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIl Comune di Costigliole Saluzzo in sostegno della popolazione iraniana oppressa dal...

Il Comune di Costigliole Saluzzo in sostegno della popolazione iraniana oppressa dal regime

"Non dimentichiamo coloro che non hanno la nostra libertà, ricordiamoci che mentre leggiamo queste poche righe, qualcuno è torturato, umiliato, ucciso".

ImageQuesto l'appello lanciato dal Comune di Costigliole Saluzzo verso il popolo iraniano, oppresso da oltre trent’anni da parte di un regime clericale e dittatoriale dei Mullah. Negli ultimi tre decenni gli Iraniani hanno subito una devastante forma di repressione ed oppressione e una perpetua violazione dei diritti umani  arresti arbitra- pubbliche impiccagioni in piazza, esecuzioni sommarie, torture ed abusi sessuali a danno dei prigionieri politici, lapidazioni, amputazione degli arti inferiori e negazione delle libertà fondamentali dei cittadini.Dopo le elezioni presidenziali farsa, milioni di iraniani sono scesi in piazza per protestare contro la dittatura chiedendo la libertà e democrazia.

Fra le persone arrestate molte sono state sottoposte a feroci forme di tortura e violenza sessuale, e recentemente alcune di loro sono state impiccate e tanti altri sono in attesa dell' impiccagione.Il popolo iraniano ha dimostrato al mondo intero, di essere pronto insieme alla sua resistenza a pagare con la vita pur di ottenere un cambiamento democratico del regime dittatoriale e la nascita di un governo laico e secolarizzato.
Il regime dei Mullah, per fermare la rivolta, sta cercando insieme alle forze irachene di reprimere i residenti di Campo di Ashraf (membri della resistenza iraniana). Come avvenuto il 28 e 29 luglio scorso, quando 11 persone furono assassinate, più di 500 vennero ferite e 36 vennero prese in ostaggio. Tuttavia la rivolta del popolo iraniano va avanti con lo slogan: morte alla dittatura – viva la libertà.
Costigliole Saluzzo, mediante i suoi abitanti e i suoi rappresentanti – Sindaco, Assessori e Consiglieri, sostiene dunque la 'Terza Via', proposta dalla presidente della Resistenza Iraniana Maryam Rajavi, che esclude sia l´ipotesi di una guerra esterna, sia la politica di accondiscendenza verso il regime, e mira a sostenere concretamente il popolo iraniano e la sua legittima resistenza per ottenere un cambiamento democratico e la nascita di un'autorità popolare, laica e democratica in Iran.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,400FollowersFollow