giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizieIran NewsIl Comitato Svizzero si rivolge all’UNHCR perché riconosca Liberty come campo...

Il Comitato Svizzero si rivolge all’UNHCR perché riconosca Liberty come campo per rifugiati

Il Comitato Svizzero in Difesa di Ashraf, composto da membri del Parlamento Svizzero, avvocati e difensori dei diritti umani, ha pubblicato una lettera per l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, accogliendo favorevolmente la rimozione dell’OMPI dalla lista terroristica U.S.A. e sottolineando la responsabilità dell’UNHCR nel garantire i diritti fondamentali, in quanto rifugiati, dei 3400 membri dell’OMPI che risiedono ad Ashraf e Liberty in Iraq. “L’Iran, tramite il suo inviato a Baghdad, i meetings del suo Ministro della Difesa e di altri vari funzionari con i funzionari iracheni, compreso Maliki e il suo consigliere Faleh Fayaz, ha dato specifiche istruzioni di aumentare la repressione e la pressione nei confronti dei residenti di Ashraf e Liberty”, recita la lettera del Comitato Svizzero.
“In tali condizioni noi chiediamo l’Intervento dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, affinché fornisca ai residenti sicurezza e protezione, la rimozione di qualunque tipo di assedio e la garanzia della libertà di circolazione dei residenti, in particolare poiché è chiaro che Liberty non è un luogo di transito temporaneo e che questa etichetta ha solo portato all’imposizione di ulteriori restrizioni e misure repressive da parte del governo iracheno nei confronti dei residenti”, continua la lettera.
“Perciò, noi chiediamo fermamente che Liberty venga riconosciuto come  campo per rifugiati per garantire i diritti dei residenti ed impedire le cospirazioni dell’Iran e del governo iracheno”, aggiunge la lettera.
“Grazie a queste misure si potrà impedire l’abuso dei diritti di individui riconosciuti dall’UNHCR come ‘beneficiari’ che godono delle più fondamentali protezioni”, conclude la lettera.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow