sabato, Febbraio 4, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIl “boia” Rouhani non è un moderato, dice un parlamentare alla conferenza...

Il “boia” Rouhani non è un moderato, dice un parlamentare alla conferenza sull’Iran

“L’impennata nel numero delle esecuzioni e nelle violazioni dei diritti umani in Iran svelano la menzogna che il Presidente Hassan Rouhani sia un moderato”, ha detto il parlamentare Stephen Hughes ad una conferenza sull’Iran tenutasi al Parlamento Europeo.

 

Questo parlamentare laburista ha anche elogiato i Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI/MEK) come “la migliore occasione  per il popolo iraniano” e per la creazione di un Iran libero e democratico.

Ha detto al meeting di Bruxelles il 9 Aprile: “Guardate solo alla realtà dei fatti. Abbiamo i rapporti di Amnesty International e dei gruppi di osservatori dell’ONU che parlano di un aumento della presecuzione delle minoranze etniche e religiose, della repressione delle figure di opposizione politica, del maltrattamento dei prigionieri politici in carcere e di processi ingiusti e, naturalmente di  un’impennata del numero delle pene capitali e delle esecuzioni pubbliche.

“L’Iran è ora il numero uno in termini di numero di esecuzioni pro-capite, avendo sorpassato persino la Cina. Tra i giustiziati nel 2014 vi sono donne, attivisti per i diritti umani, attivisti politici e appartenenti a minoranze etniche e religiose”.

Secondo l’Inviato dell’ONU sulla situazione dei diritti umani in Iran, Ahmed Shaheed, almeno 176 persone sono state giustiziate tra Gennaio, Febbraio e l’inizio di Marzo di quest’anno, molti di loro in pubblico. Almeno 500 sono state giustiziate nel 2013, 57 in pubblico”, ha detto Hughes.

Ed ha aggiunto: “Tra i giustiziati vi sono state 27 donne e due ragazzi. Questi numeri sono solo quelli documentati ufficialmente. Entrambi i dati che abbiamo udito sono probabilmente molto più alti.

“Secondo l’Iran’s Human Right Documentation Center, oltre 500 persone sono state giustiziate da quando è Rouhani ha assunto la sua carica. E a ciò si aggiungono le atrocità che stanno commettendo in Siria ed  Iraq come gli omicidi a sangue freddo commessi a Campo Ashraf e Camp Liberty. Viene davvero da chiedersi come sia mai possibile definire Rouhani un moderato.

“Ma il vero problema è il regime dei mullah. L’unico modo in cui si può risolvere il problema, l’unico modo in cui si può dare al popolo iraniano speranza nel futuro è avere un cambio di regime in Iran.

“Io credo che la ragione per cui noi siamo qui oggi sia perché riconosciamo che esiste una donna capace di guidare e rendere possibile questo cambiamento.

“Io credo che il PMOI rappresenti la migliore occasione per il popolo iraniano, di abbattere i mullah e il regime e il miglior mezzo per creare un Iran libero e democratico”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,932FollowersFollow