giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeNotizieIran NewsGruppo bi-partisan elogia i dissidenti iraniani in Iraq, sollecita il Segretario Clinton...

Gruppo bi-partisan elogia i dissidenti iraniani in Iraq, sollecita il Segretario Clinton a rimuovere dalla lista l’opposizione iraniana, Mojahedin del Popolo

e a garantire un trasferimento pacifico di tutti i residenti di Campo Ashraf presso paesi terzi

WASHINGTON, Reuters – 28 Ago. 2012 /PRNewswire-USNewswire/  In una conferenza  tenutasi Sabato nello storico Willard Intercontinental Hotel, ex-alti funzionari americani hanno sollecitato il Dipartimento di Stato a rimuovere dalla sua lista il maggior gruppo di opposizione iraniano, i Mujahedin-e Khalq (MEK) e a proteggere i suoi membri nei campi di Ashraf e Liberty in Iraq. Nel suo discorso di apertura, l’ex-Membro del Congresso Patrick Kennedy ha fatto riferimento al 6° gruppo di 400 residenti di Campo Ashraf che si stanno preparando ad andare da Ashraf a Camp Liberty:
“Vista la partenza del sesto convoglio e considerando la leadership e il gesto di buona volontà di Maryam Rajavi, è opportuno rivolgerci al governo iracheno, alle Nazioni Uniti e a Martin Kobler perché alla fine facciano la cosa giusta, cioè onorare gli impegni umanitari indicati  nel Memorandum di Intesa.”
Il Generale James Jones, ex-Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Obama ed ex-Comandante del Comando Supremo Alleato in Europa, non potendo partecipare alla conferenza ha inviato un messaggio dicendo: “La cosa giusta da fare, la cosa ‘umanitaria’ da fare per gli Stati Uniti è rimuovere dalla lista terroristica la gente di Campo Ashraf e Camp Liberty attualmente iscrittavi e promuovere  un programma di rimpatrio presso paesi terzi il più presto possibile.”
L’ex-Procuratore Generale Michael Mukasey ha definito il collegamento del Segretario Clinton tra la collaborazione nella chiusura di Ashraf e la rimozione del MEK dalla lista  come: “completamente illegale, perché non ha niente a che fare con gli standards legislativi.” Ha aggiunto: “Continuare a tenere il MEK nella lista rappresenta il principale ostacolo al ricollocamento e il MEK ha fatto tutto quanto in suo potere per soddisfare persino l’inutile richiesta che Ashraf venga chiuso. Quando è troppo è troppo.” Il Giudice Mukasey ha concluso dicendo che i residenti di Campo Ashraf “… hanno già messo le loro vite in pericolo ancora e di nuovo cercando di organizzare un altro convoglio e sono stati frustrati in questo loro tentativo. Non è più tempo di sollecitare ulteriori accomodamenti da parte dei residenti, è ora di sollecitare il buon senso del Dipartimento di Stato.”
L’ex-Direttore della CIA Porter Gross ha aggiunto: “Il mio lavoro è trovare i terroristi… Abbiamo cercato a Campo Ashraf ma non ne abbiamo trovato nessuno… Nessuno è riuscito a trovarne. Abbiamo mandato l’FBI, abbiamo mandato l’esercito.” L’ex-Senatore di New York Alfonse D’Amato ha concordato: “Il MEK è stato il nemico giurato dei mullah corrotti che sono laggiù ora. Facciamoli nostri amici … Abbattiamo il terrorismo.”
L’ex-Presidente della Camera Dennis Hastert ha detto che l’obbiettivo deve essere assicurarsi che il MEK venga tolto dalla lista: “Quando questo accadrà, spazzerà via la questione di Ashraf. Spazzerà via la questione di Camp Liberty e darà la possibilità a queste persone di essere rimpatriate in un paese di loro scelta.” Per ciò che riguarda l’impatto avuto dalla voce del Congresso fino ad ora, Hastert ha detto: “Penso che ponga il Dipartimento di Stato in una situazione delicata per la reticenza che ha avuto nel non rimuovere il MEK dalla lista. Se il Dipartimento di Stato non fa il suo lavoro, il Congresso può bloccare parte dei fondi del Dipartimento di Stato.”
“Ciò che non è difficile,” ha detto l’ex-Governatore del Colorado Bill Ritter, “è questa domanda di rimozione del MEK dalla lista …. Da una prospettiva di giustizia, sembra essere la sola cosa che possiamo fare.” Il Governatore Ritter ha aggiunto: “Dopo aver visto le promesse fatte nel 2003 ai residenti di Campo Ashraf, non solo dal Governo degli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite, ma dalla comunità internazionale, sotto molti aspetti queste sono state realmente e unilateralmente infrante.” “E questo concetto del trasferimento da Ashraf a Liberty che dovrebbe essere in certo senso una transizione …., per il popolo americano una transizione da un luogo verso un luogo peggiore per arrivare ad un luogo migliore, non è una transizione giusta,” ha aggiunto.
L’ex-Comandante delle Forze di Coalizione in Afghanistan, Generale Dan McNeill, ha detto: “Un Iran capace di ottenere armi nucleari con il suo attuale governo sarebbe un fattore traumaticamente destabilizzante non solo per il Golfo ma per tutta la regione. Dove si fermerà?” Il Generale McNeill ha aggiunto; “Io appoggio la sostituzione di un tale governo repressivo, attraverso un plebiscito e un referendum popolare, sarebbe chiaramente molto meglio. Sarebbe un esempio per gli altri paesi della regione.”
“Quando parlo con il Dipartimento di Stato mi dicono ‘Oh, questi sono quelli del MEK’, come se in un modo o nell’altro fossero terroristi. Beh, provatelo. La corte vi ha obbligato a provarlo e io ero seduto in quell’aula di tribunale. E non ho sentito niente. Dov’è la prova? Non ho sentito niente dai miei amici del Dipartimento. Continuo a chiedere al Dipartimento del Tesoro, dov’è la prova? Non ottengo alcuna risposta dal Dipartimento del Tesoro. Ho chiesto al Dipartimento di Giustizia, dov’è la prova che questa sia un’organizzazione terroristica? Non ho ottenuto neanche il beneficio di una risposta,” ha sottolineato l’ex-Alto Consigliere della Casa Bianca, l’Ambasciatore Marc Ginsberg.
FONTE – Comunità irano-americana della California del Nord.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,872FollowersFollow