domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieIran NewsGli U.S.A. accuseranno il regime iraniano per gli attacchi informatici contro alcune...

Gli U.S.A. accuseranno il regime iraniano per gli attacchi informatici contro alcune banche e una diga di New York – Reuters

Sembra che l’amministrazione Obama accuserà alcuni hackers iraniani, al più tardi giovedì, per aver coordinato una rete di attacchi informatici nel 2012 e 2013 contro diverse banche americane ed una diga di New York, hanno detto alla Reuters alcune fonti informate sui fatti.
Il Dipartimento di Giustizia ha preparato una citazione per circa una mezza dozzina di iraniani, hanno detto alla Reuters le fonti, che vogliono restare anonime data la gravità della questione. E’ uno degli atti di accusa per crimini informatici di più alto profilo emessi dagli Stati Uniti contro una nazione estera. Le accuse, che riguardano l’accesso illegale ai computers ed altri presunti crimini, dovrebbero essere annunciate pubblicamente dai funzionari statunitensi al più tardi giovedì mattina durante una conferenza stampa a Washington, dice la Reuters.
Secondo una fonte, nella citazione si dovrebbe collegare l’attività degli hackers direttamente al regime iraniano. Le banche non verranno menzionate nella citazione per timore di rappresaglie, ha detto la fonte.
Anche se si è saputo di una precedente citazione per la violazione dei sistemi informatici di back-office della Diga di Bowman Avenue, a Rye Brook, New York, questa è stata solo una parte di questa campagna di hacking, rivelatasi più vasta di quanto si pensasse come la citazione dimostrerà, hanno detto le fonti.
La violazione alla diga è coincisa approssimativamente con una serie di attacchi che nel 2012 hanno provocato una valanga di “accessi negati”, che hanno colpito oltre una mezza dozzina di istituti finanziari statunitensi e si è sospettato a lungo che i due episodi fossero collegati. Gli esperti di sicurezza informatica hanno detto che anche questi sono stati provocati da hackers iraniani ai danni di Bank of America, JPMorgan Chase, Capital One, PNC Financial Services e SunTrust Bank.
Durante l’intrusione nei computers della diga gli hackers non sono riusciti a prendere il controllo operativo delle chiuse e gli investigatori ritengono che stessero cercando di saggiare le loro capacità.
Gli hackers che verranno nominati nella citazione risiedono tutti in Iran, ha detto una fonte.
Il Dipartimento di Giustizia ha preferito non commentare.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,418FollowersFollow