giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieIran NewsDiritti Umani e Democrazia: Il Rapporto 2011 del Ministero degli Esteri e...

Diritti Umani e Democrazia: Il Rapporto 2011 del Ministero degli Esteri e dei Rapporti con il Commonwealth del Regno Unito – Campo Ashraf

CNRI – Il Ministero degli Esteri e per i Rapporti con il Commowealth del Regno Unito ha pubblicato il suo rapporto sui Diritti Umani e la Democrazia per il 2011. Il rapporto è stato presentato in Parlamento dal Segretario di Stato per gli Esteri e i Rapporti con il Commonwealth, ad Aprile 2012.
Quella che segue è la parte del rapporto su Campo Ashraf. Fonte: Sito web del Ministero degli Esteri e per i Rapporti con il Commowealth del Regno Unito, 30 Aprile 2012
…..
Campo Ashraf (alla pag. 265 del rapporto)
Campo Ashraf (ora rinominato “Campo Nuovo Iraq” dalle autorità irachene) ospita approssimativamente 3400 membri dei Mujahedin e-Khalq (MEK). L’8 Aprile, secondo la Missione di Assistenza per l’Iraq delle Nazioni Unite, 36 residenti sono stati uccisi e molti altri feriti in un attacco al campo da parte del governo iracheno. In seguito a questo il governo iracheno ha annunciato la sua intenzione di chiudere Campo Ashraf per la fine del 2011.
Il Regno Unito ha pubblicamente condannato le azioni del governo iracheno e ha continuato, per tutto il 2011, a sollecitarlo a fare in modo che i residenti di Ashraf siano trattati in conformità ai diritti e della protezione di cui godono secondo le leggi internazionali sui diritti umani e le leggi dello Stato iracheno.
Abbiamo incoraggiato il governo e la leadership di Campo Ashraf ad intrattenere negoziati costruttivi per raggiungere una soluzione pacifica e duratura sul futuro dei residenti del campo e a continuare a mostrare flessibilità sulla scadenza dell’ultimatum per la chiusura del campo. A Dicembre, il Primo Ministro Al-Maliki, ha annunciato il prolungamento della scadenza dell’ultimatum per la chiusura del campo fino ad Aprile 2012, a condizione che i residenti iniziassero a trasferirsi in un nuovo sito temporaneo in Iraq.
Noi speriamo che il trasferimento pacifico dei residenti inizi presto, in modo che l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati possa condurre il procedimento per la determinazione dello status di rifugiati per i residenti conformemente al suo mandato. Il Regno Unito sostiene gli sforzi del Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Martin Kobler, per cercare di trovare una pacifica soluzione a questo problema.
http://fcohrdreport.readandcomment.com/wp-content/uploads/2011/02/Cm-8339.pdf

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,483FollowersFollow