giovedì, Febbraio 9, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaConsiglio d’Europa - L’Assemblea Parlamentare - Dichiarazione scritta sul Campo Ashraf

Consiglio d’Europa – L’Assemblea Parlamentare – Dichiarazione scritta sul Campo Ashraf

Doc. 12510
28 gennaio 2011
Camp Ashraf
Dichiarazione scritta n. 472
 
Il 7 gennaio 2011, l’attacco contro Camp Ashraf, al quale hanno preso parte forze irachene, ha lasciato feriti 176 residenti, fra i quali 91 donne. Le forze irachene hanno negato cure mediche ai feriti e li hanno espulsi dall’ospedale.

Circa 180 altoparlanti sono stati usati per la tortura psicologica dei residenti dal febbraio 2010. Il 5 gennaio, il ministro degli Esteri dell’Iran a chiesto al Primo Ministro iracheno di aumentare le misure pratiche contro Ashraf. Sotto la supervisione del Comitato per Chiudere Ashraf nell’ufficio del Primo Ministro, l’assedio di Ashraf negli ultimi due anni, includendo restrizioni mediche, ha portato alla morte di due residenti.

L’attacco del 28-29 luglio 2009 ha lasciato 11 residenti uccisi e 500 feriti.

Le recenti misure violano gravemente la IV Convenzione di Ginevra che si applica ai residenti di Ashraf, e secondo la decisione del 27 dicembre 2010 di una corte spagnola e lo statuto della Corte Penale Internazionale sono considerate “crimini di guerra”.

      Le Nazioni Unite e gli Stati Uniti devono garantire la protezione di Ashraf.
      Chiediamo agli Stati membri dell’Assemblea Parlamentare di convincere il governo iracheno:
–     a sciogliere il ‘Comitato per la chiusura di Ashraf’ e sottoporre il caso di Ashraf alla supervisione del parlamento iracheno;
–      a porre termine immediatamente alla tortura psicologica sui residenti di Ashraf da parte di agenti dell’intelligence iraniana mediante 180 altoparlanti.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,951FollowersFollow