mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran: Allarme sui pericoli che minacciano la vita dei prigionieri politici

Iran: Allarme sui pericoli che minacciano la vita dei prigionieri politici

CNRI – Dal 23 gennaio, e poche ore prima dell’esecuzione del Jaafar Kazemi e Mohammad Ali Haj-Aqai, il regime clericale ha trasferito molti prigionieri politici da vari reparti in prigione Gohardasht alla sezione 4, sessanta dei quali sono stati trasferiti nella stanza 12 della sezione.

La mancanza di cibo accettabile, bagni fuori servizio, la mancanza di riscaldamento e acqua calda, costringendo i detenuti a fare la doccia fredda in inverno, la mancanza di igiene generale e il forte odore di liquami nella sezione, così come il dolore e la sofferenza dei prigionieri, hanno gradualmente trasformato il campo di sterminio di carcere.

L’assistenza medica è negata ai prigionieri, ma anche vivere in giorno buio e di notte perché il reparto non ha luce. Il regime ha tagliato le visite dei familiari in quanto il trasferimento dei detenuti nella sezione 4. I torturatori crudele hanno anche trasferito al reparto Sig. Mohsen Dokmechi, un prigioniero politico che ha parenti a Camp Ashraf in Iraq, che ha appena avuto un intervento chirurgico difficile. Nonostante le sue forti dolori, si è privato del minimo condizione di vita e di cure mediche.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
29 gennaio 2011

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,400FollowersFollow