sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieIran NewsCommissione della Camera americana approva nuove sanzioni contro l'Iran

Commissione della Camera americana approva nuove sanzioni contro l’Iran

Da DONNA CASSATA, Associated Press 2 novembre 2011

WASHINGTON (AP) – Un gruppo della Camera ha approvato all’unanimità mercoledì pene più severe contro l’Iran, sostenendo che una Teheran debole economicamente combatterà alla ricerca di armi nucleari. Con un voto verbale, repubblicani e democratici della Commissione Affari Esteri della Camera americana ha avanzato due disegni di legge che rafforzino le sanzioni attuali, espandendo intanto l’elenco delle società e degli individui soggetti a sanzioni. I legislatori hanno citato recenti accuse di un complotto iraniano per assassinare l’ambasciatore saudita negli Stati Uniti e hanno insistito che tale sfacciato comportamento esige delle  conseguenze.
La legislazione si basa su sanzioni che a larga maggioranza il Congresso ha approvato – e il presidente Barack Obama ha firmato – lo scorso anno. Tali sanzioni hanno mirato esportazioni di benzina e altri prodotti petroliferi raffinati verso l’Iran ed impedito alle banche americane di fare affari con banche estere che forniscono servizi alle Guardie Rivoluzionarie iraniane. Le Nazioni Unite e l’Unione europea hanno imposto sanzioni contro l’Iran.
L’ultima normativa “è progettata bloccare nuove sanzioni più dure sul settore energetico iraniano, minacciando l’esistenza del regime se si rifiuta di fermare il suo programma di armi nucleari”, ha detto la repubblicana Ileana Ros-Lehtinen, R-Fla., presidente della commissione. Ha definito il settore energetico iraniano tallone d’Achille del paese.
Gli Stati Uniti hanno cercato ripetutamente di convincere l’Iran a negoziati internazionali con gli Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania sul suo programma nucleare. L’Iran sostiene che il suo programma è progettato per generare elettricità, non per costruire armi.
Tra le nuove disposizioni, le proposte di legge della Camera porrebbero dei limiti alle filiali estere di società statunitensi nel fare affari con l’Iran, barattando tra attività che potrebbero essere sanzionate e vieta agli americani di condurre operazioni commerciali o finanziarie con la Guardia Rivoluzionaria.
Dirigendo la sua ira contro la Siria e la Corea del Nord, una disposizione rafforzerebbe il divieto di concedere di diritti di atterraggio negli Stati Uniti, alle navi che hanno visitato l’Iran, la Corea del Nord o la Siria negli ultimi due anni.
Il repubblicano William Keating, D-Mass., ha detto che il governo della Siria, ampiamente criticato per il suo giro di vite sui manifestanti, riceve assistenza politica e materiale da parte dell’Iran.
Il comitato, con voto verbale, ha adottato un emendamento da parte del  superiore del gruppo democratico, il repubblicano Howard Berman della California, che aveva richiesto al presidente di determinare, entro 30 giorni se la banca centrale dell’Iran sostiene le armi chimiche, biologiche o nucleari o i programmi missilistici del Paese , finanziando l’acquisto di armi avanzate convenzionate, la sottoscrizione della Guardia Rivoluzionaria o fornendo l’aiuto dell’Iran al terrorismo internazionale.
Se il presidente facesse tale determinazione, l’amministrazione sarebbe tenuta a imporre sanzioni che potrebbero impedire a qualsiasi banca estera di fare affari importanti con la banca centrale degli Stati Uniti.
“La nostra speranza, come con tutte le nostre sanzioni, è che un Iran sfidato economicamente avrà meno soldi da spendere per le armi di distruzione di massa, terrorismo e altre attività nefaste”, ha detto Berman.
Le sanzioni sembrano prendere credito a Teheran. Proprio questa settimana, il presidente Mahmoud Ahmadinejad ha riconosciuto che le sanzioni attuali stanno impedendo le istituzioni finanziarie iraniane, dicendo: “le nostre banche non possono più fare transazioni internazionali”.
La commissione ha inoltre approvato un emendamento del deputato Ted Poe, R-Texas, progettato per proteggere le diverse migliaia di iraniani che vivono in esilio a Campo Ashraf, che si trova a nord-est di Baghdad, Iraq. Il campo è gestito dall’Organizzazione Mojahedin del Popolo Iraniano, un gruppo di Resistenza al regime dei mullah di Teheran che è stato un severo critico del primo ministro iracheno Nouri al-Maliki.
E ‘stato attaccato dall’esercito iracheno, con decine di morti, e Baghdad è intento a chiudere il campo.
La disposizione nel disegno di legge invita l’amministrazione a far pressione all’Iraq per assicurare il benessere dei residenti del campo. Il provvedimento invita inoltre a prevenire il ritorno involontario dei residenti del campo verso l’Iran e a la chiusura del campo fino a quando la Commissione delle Nazioni Unite per i Rifugiati possa reinsediare i residenti in un altro paese.
“Se la storia insegna, si vedrà un altro massacro”, ha avvertito Poe.
Ros-Lehtinen ha espresso la speranza che la leadership della Camera possa muoversi rapidamente sulla legislazione, che ha 343 co-sponsor.
Ha detto di volere le proposte di legge pronte per la firma del presidente “dare al regime iraniano un bel regalo per le vacanze.”
Copyright © 2011 The Associated Press. Tutti i diritti riservati.

http://www.google.com/hostednews/ap/article/ALeqM5jj2bqkbYDkP7bGYkuAZMOBBPmd2g?docId=3dcc27d13f3c464aaa297c647a20afb4

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow