giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieIran NewsAmnesty International sollecita il governo iracheno a prolungare il termine per i...

Amnesty International sollecita il governo iracheno a prolungare il termine per i residenti di Campo Nuovo Iraq ( Ashraf )

AMNESTY INTERNATIONAL
DICHIARAZIONE PUBBLICA, Index: MDE 14/042/2011
1 Novembre 2011

Amnesty International teme che alcuni dei 3.250 iraniani residenti a lungo termine dell’Iraq, che risiedono a Campo Nuovo Iraq, 60 chilometri a nord di Baghdad, siano in grave rischio di pesanti violazioni dei diritti umani, se il governo iracheno va avanti con i suoi piani per forzare la chiusura del campo entro la fine di dicembre 2011. Il Campo, precedentemente conosciuto come Campo Ashraf, è già stato attaccato più volte dalle forze di sicurezza irachene provocando la morte di decine di residenti e lesioni ad altri. Più di recente, le truppe irachene hanno fatto irruzione nel campo l’8 aprile con una forza manifestamente eccessiva e facendo fuoco direttamente contro i residenti che hanno cercato di resistere loro. Circa 36 residenti, tra cui otto donne, sono state uccisi e più di 300 altri sono stati feriti. Almeno nove residenti del campo sono stati uccisi e altri feriti in un precedente attacco da parte delle forze di sicurezza irachene il 28-29 luglio 2009. Circa 36 residenti del campo, che sono stati arrestati sono stati trattenuti per più di due mesi e torturati prima di essere rilasciati il 7 ottobre 2009.
Campo Ashraf, come si chiamava allora, era in precedenza sotto la protezione della Force-Iraq statunitense (USF-I) fino al giugno del 2009, quando è stato trasferito al controllo del governo iracheno. Da allora, il campo e i suoi abitanti sono stati praticamente messi sotto assedio dalle truppe irachene, dal momento che il governo intensifica la pressione sui residenti, molti dei quali appartengono all’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI), perchè lascino l’Iraq. L’OMPI è una organizzazione dell’opposizione iraniana che in precedenza era impegnata in attacchi armati all’Iran prima di decidere diversi anni fa di cessare di sposare la violenza. I sostenitori dell’OMPI sono stati autorizzati a risiedere in quanto esuli in Iraq da parte dell’ex presidente iracheno Saddam Hussein, rovesciato nel 2003.
Il governo iracheno ha più volte dichiarato la sua opposizione al mantenimento del campo. Durante una visita in Iran del giugno scorso, il presidente iracheno Jalal Talabani ha annunciato che Campo Ashraf sarebbe stato chiuso entro la fine di quest’anno e il governo iracheno l’ha successivamente confermato al Segretario Generale delle Nazioni Unite all’inizio di ottobre.
Nel frattempo, il Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati – UNHCR (l’Agenzia dell’ONU per i Rifugiati), ha riferito di aver ricevuto un gran numero di domande d’asilo individuali da parte di residenti del campo e ha chiesto al governo iracheno “di prendere in considerazione una proroga del termine per la chiusura del Campo “e di fornire” servizi necessari” per consentire richieste di asilo, che saranno tenute in un” luogo sicuro, neutrale e confidenziale ” piuttosto che al campo. [1]
Dal 31 ottobre, tuttavia, le trattative erano ancora in corso tra l’UNHCR, la Missione di Assistenza delle Nazioni Unite per l’Iraq (UNAMI) e il governo iracheno per identificare un luogo in cui svolgere tali richieste di asilo.
I residenti del campo, da parte loro, sostengono che queste interviste devono essere tenute in corrispondenza o nei pressi del campo perché temono che la loro sicurezza e salvaguardia in caso contrario potrebbe non essere garantita e che sarebbe a rischio di arresto da parte delle forze di sicurezza irachene e di rimpatrio forzato Iran, dove molti di loro sarebbero a grave rischio di violazioni dei diritti umani.
 Amnesty International sta anche sollecitando il governo iracheno a dare il tempo sufficiente per le domande di asilo dei residenti di Nuovo Campo Iraq di essere adeguatamente esaminate dall’UNHCR al fine di rendere le sue decisioni in materia di status di rifugiati dei residenti del campo confidenziali, su un terreno neutro, in modo tempestivo e sicuro. Durante questo processo la sicurezza e la salvaguardia dei residenti del campo deve essere di fondamentale importanza. Se i colloqui si svolgono al di fuori di Nuovo Campo Iraq la sicurezza e la salvaguardia dei residenti, compreso il loro viaggio di ritorno al campo, devono essere garantite.
 Amnesty International sollecita il governo iracheno a rispettare pienamente i diritti umani dei residenti di Campo Nuovo Iraq e a porre fine a tutte le vessazioni nei confronti dei residenti da parte delle forze di sicurezza che circondano il campo.
 Amnesty International chiede inoltre alla comunità internazionale, in particolare ai paesi europei e nordamericani, di farsi avanti e di accettare il reinsediamento dei residenti di Campo Nuovo Iraq che sono stati accettati come rifugiati in modo tempestivo.
 Alla base
 Nonostante il fatto che i residenti del campo hanno vissuto in Iraq per 25 anni, il governo iracheno ha chiarito l’auspicio che lascino il paese. Nel 2009 il governo ha detto ai residenti che avrebbero dovuto lasciare l’Iraq entro il 15 dicembre 2009 oppure subire un reinsediamento forzato all’interno dell’Iraq, ma non l’ha imposto questo apparentemente a causa delle pressioni internazionali, anche da parte degli Stati Uniti e dell’ONU.
Dal momento che l’assalto dell’aprile 2011, tuttavia, le autorità irachene hanno rafforzato i controlli sui residenti del campo al punto che ad alcuni di quei residenti feriti e ad altri che soffrono di malattie croniche è stato impedito o posti ostacoli per lasciare il campo per ottenere maggiori cure mediche specialistiche di quello disponibile lì. Inoltre, è stato anche riferito che le forze di sicurezza hanno  cercato di impedire il flusso di telefonate e altre comunicazioni tra i residenti del campo e il mondo esterno e hanno installato altoparlanti, alimentando le paure tra i residenti che le forze di sicurezza irachene si stiano preparando ad effettuare un’ulteriore incursione violenta nel campo.
Di fronte alle pressioni internazionali, dopo l’assalto dell’aprile 2011 sul campo, il governo iracheno ha detto di aver istituito una commissione per indagare l’attacco e le uccisioni, ma, come in altri casi in cui tali indagini sono state annunciati, nessun risultato è stati segnalato e non è chiaro se qualsiasi indagine seria sia stata mai condotta.

[1] Reclamo UNHCR, per i residenti di Campo Nuovo Iraq (ex Ashraf) e la decisione sulla loro domanda di status di rifugiati, 13 settembre 2011. http://www.unhcr.org/cgi-bin/texis/vtx/home/opendocPDFViewer.html?docid=4e7064e26&query=camp%20ashraf

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,407FollowersFollow