martedì, Dicembre 6, 2022
HomeNotizieIran NewsCamp Ashraf passo in avanti

Camp Ashraf passo in avanti

COMUNICATO STAMPA
 
Lunedì 26 Set 2011

In una svolta apparente sulla crisi a Campo Ashraf nel Nord dell’Iraq, la residenza di 3400 dissidenti iraniani, la baronessa Ashton, Alto Rappresentante dell’UE per gli Affari Esteri, ha annunciato la nomina dell’ Ambasciatore Jean De Ruyt come suo inviato personale sul tema di Campo Ashraf.
Parlando al Parlamento europeo a Strasburgo, l’eurodeputato conservatore Struan Stevenson, Capo della Delegazione per le Relazioni con l’Iraq, ha dichiarato: “Ho ricevuto una lettera dalla baronessa Ashton che conferma la nomina dell’Ambasciatore De Ruyt e stabilisce che il suo ruolo sarà quello di” lavorare con il governo iracheno, le Nazioni Unite ed altri partner per aiutare a risolvere la situazione nel Campo di Ashraf, in linea con i principi umanitari e dei diritti umani “. La baronessa Ashton continua dicendo che “l’ambasciatore De Ruyt sa l’importanza che attribuisco a questo problema. Mi aspetto che lui mantenga i contatti con tutti gli interlocutori iracheni, con i dirigenti ed i residenti di Campo Ashraf e con le organizzazioni umanitarie internazionali. Gli ho chiesto di incontrarmi con lei ed altri deputati interessati del Parlamento europeo e, subito dopo aver intrapreso le proprie funzioni. “
“Devo ringraziare calorosamente Lady Ashton per questa mossa decisiva e significativa. L’Ambasciatore De Ruyt è un leader diplomatico di fama internazionale. Ha appena terminato il suo mandato come ambasciatore belga presso la UE, dopo essere stato diplomatico presso le Nazioni Unite a New York. Non mi viene in mente nessuno più in grado di affrontare questo argomento complesso e sensibile.
“Io ei miei colleghi del Parlamento europeo siamo fermamente convinti che l’Ambasciatore De Ruyt dovrebbe visitare Ashraf nel più breve tempo possibile. Questo sarebbe un passo importante verso la soluzione della crisi. Se le autorità irachene tentano di impedire tale visita, sarà una chiara indicazione delle loro intenzioni minacciose nei confronti dei residenti di Ashraf.
“I disarmati, civili residenti di Campo Ashraf hanno sofferto anni di torture psicologiche e molestie per mano del governo iracheno, aiutato ed incoraggiato dai loro sponsor a Teheran. Ci sono stati due attacchi terribili contro campo da parte dei militari iracheni, che sono culminati quest’anno in una strage l’8 aprile che ha lasciato 36 morti e 300 feriti gravi. Il campo è ancora sotto assedio, con accesso limitato per le forniture di carburante, cibo e medicinali.
“A peggiorare le cose, il Primo Ministro iracheno ha fissato un termine ridicolo per il 31 dicembre di quest’anno per cancellare dal campo i suoi abitanti, minacciando un altro scontro violento che getterà i semi di una catastrofe umanitaria.
“Nel frattempo, con l’aiuto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, tutti i 3400 residenti sono in procinto di essere individualmente interrogati e valutati per lo status di rifugiato, dopo ogni richiesta di asilo. Questo processo richiederà diversi mesi ed è poi l’intenzione di ri-stabilire questi rifugiati nei 27 Stati membri dell’UE e in altri paesi terzi al di fuori dell’UE. Ma questa importante operazione non può essere completata entro i termini stabiliti dal primo ministro Nouri Al-Maliki, che deve rendersi conto che è giunto il momento di cessare le minacce e le molestie rivolte a queste persone e iniziare a cooperare con l’ONU e l’UE per risolvere questa crisi.
“La nomina dell’ Ambasciatore De Ruyt da parte della baronessa Ashton ha sottolineato la gravità di questo problema. Non vedo l’ora di lavorare a stretto contatto con lui per assicurare che siamo in grado di evitare che una catastrofe in stile Srebrenica si verifichi ad Ashraf “.

Struan Stevenson MEP

Presidente della Delegazione del Parlamento europeo per le Relazioni con l’Iraq
Strasburgo
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,458FollowersFollow