sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieIran NewsAutorità del regime iraniano mostrano segni di voler abbandonare la messa al...

Autorità del regime iraniano mostrano segni di voler abbandonare la messa al bando di Telegram

di Mahmoud Hakamian

L’imminente divieto dell’app di messaggistica Telegram è stato annunciato sabato 31 marzo 2018 da Alaeddin Boroujerdi, capo del Comitato per la Sicurezza del ‘parlamento’ del regime. Boroujerdi ha detto che Telegram sarebbe stato inaccessibile dalla fine del mese di Farvardin – il 20 aprile – e sostituito con un sistema di messaggistica sviluppato e gestito internamente, secondo una decisione presa al più alto livello del regime.

Seguendo le osservazioni di Boroujerdi, anche numerosi funzionari del regime, incluso il capo della polizia Hossein Ashtari, hanno anche commentato a favore del blocco di Telegram. Le osservazioni hanno sollevato un’enorme ondata di proteste, in particolare nel cyberspazio, con la partecipazione anche di alcuni parlamentari del regime.
Parlando contro la decisione di bloccare Telegram, il deputato del regime Hamidreza Jalaeipour ha dichiarato il 3 aprile 2018: “L’accordo sul nucleare e il mantenimento di Telegram sbloccato sono i due risultati più importanti del governo di Rouhani. Mentre l’accordo nucleare viene ora minacciato dall’amministrazione Trump, evitare che Telegram sia bloccato è ancora più necessario. Senza l’accordo nucleare e Telegram, gran parte della popolazione iraniana si riferirà al governo di Rouhani come a quello senza alcun risultato”.
In un articolo sul quotidiano Arman, gestito dallo Stato, il 3 aprile 2018, il docente universitario legato a Rouhani Sadegh Zibakalam scrive: “Supponiamo che il signor Rouhani si opponga davvero al blocco di Telegram. Ma tutti sanno che non ha abbastanza autorità per impedirne l’esclusione. Né Rouhani, né il parlamento, né il Consiglio delle Opportunità, né alcuna altra entità sono in grado di impedire il blocco di Telegram. Ma la questione più fondamentale è se il blocco di Telegram possa essere davvero così efficace, in quanto potrebbe essere sbloccato usando programmi anti-filtro, come è stato usato durante le proteste di gennaio”.
“Mi chiedo perché i funzionari non riflettano sulle conseguenze politiche e sociali di privare i giovani di questo spazio (Telegram), se mai riuscissero a farlo”, ha aggiunto Zibakalam.
Mohammad-Reza Badamchi, anch’egli parlamentare del regime, nel frattempo ha pubblicato sul suo account Twitter: “Il blocco di Telegram influenzerà negativamente 200.000 posti di lavoro e interromperà finanziariamente la vita di circa mezzo milione di persone. Il signor Rouhani deve impedire il blocco di Telegram attraverso dei negoziati”.
In risposta alle opposizioni, Boroujerdi si è espresso ancora una volta in difesa del blocco di Telegram, dicendo che “a causa dei suoi rischi per la sicurezza, molti Paesi hanno bloccato Telegram e lo hanno sostituito con sistemi di messaggistica interni, nazionali. In quanto Paese importante, dobbiamo anche seguire tale esempio”.
“Il Consiglio Superiore del Cyberspazio è il corpo responsabile del cyberspazio, e la decisione (di bloccare Telegram) è stata presa lì. Anche se alcuni potrebbero averne altre idee, è il Consiglio Superiore del Cyberspazio che ha l’ultima parola in tali questioni”, ha aggiunto Boroujerdi.
In risposta ai commenti di Boroujerdi, il sito web Entekhab, gestito dallo Stato, sabato 31 marzo 2018 ha scritto: “Secondo una fonte informata del Consiglio Supremo della Sicurezza Nazionale del Paese, i rapporti sui contenuti delle discussioni tenutesi nel Consiglio quest’anno [persiano] sono piuttosto inaffidabili in quanto il Consiglio Supremo della Sicurezza Nazionale non ha avuto un singolo incontro in questo anno [persiano]”. Tale sito web collegato a Rouhani cerca quindi di assolvere Rouhani da qualsiasi responsabilità in questo problema.
Il commento più importante a questo riguardo, tuttavia, appartiene a Rouhani stesso, che si è rivolto alla banda rivale martedì 3 aprile 2018, dicendo: “Non lasciamo un sapore aspro alla bocca delle persone con tali commenti. Smettete di minare le opportunità di lavoro mentre siamo già di fronte a una crisi di disoccupazione”. Rouhani cerca quindi di evitare le critiche della gente e indicare Khamenei come direttamente responsabile per il blocco di Telegram.
Mentre fingeva di preoccuparsi della necessità di promuovere il benessere e la sicurezza delle persone e il diritto di avere accesso a informazioni gratuite, Rouhani ha aggiunto: “Telegram è uno strumento informativo, con il 95% del suo contenuto utile e solo il 5% considerato problematico. Quindi, dobbiamo correggere il suo contenuto. Non dimentichiamo che 200.000 posti di lavoro saranno distrutti con il blocco di Telegram, quindi dobbiamo prendere in considerazione tutto mentre prendiamo una decisione in merito”.
Tra i due parlamentari che rispondevano ai commenti di Rouhani sul blocco di Telegram era il portavoce del Comitato Sociale del ‘parlamento’, che alla fine di un incontro con il presidente del regime ha detto: “Non c’è stata alcuna intenzione di bloccare Telegram e nessuna autorità competente, entità o altro funzionario ha annunciato che Telegram stia per essere bandito”.
Il fatto, tuttavia, è che tutte queste affermazioni contraddittorie suggeriscono che la decisione di bandire Telegram è stata effettivamente presa all’inizio, ma dopo aver valutato le reazioni negli ultimi due giorni il regime ha avvertito il pericolo e ha deciso di ritirarsi; altrimenti, Rouhani non avrebbe parlato in quel modo.
E la ragione del ritiro, come annunciato anche da alcune autorità, è che siccome il numero di utenti di Telegram raggiunge 40 milioni di cittadini, il blocco di Telegram provocherebbe più che mai risentimento nei confronti del regime, soprattutto considerando il fatto che – sempre secondo i funzionari del regime – 200.000 iraniani guadagnano il loro sostentamento dall’app di messaggistica. Con Telegram reso inaccessibile – se mai possibile dal punto di vista tecnico – il loro numero verrà aggiunto alla cifra di disoccupazione del Paese, cosa che di per sé sarebbe una grave crisi e una vera minaccia alla sicurezza per il regime.
Quindi, la ragione della ritirata del regime potrebbe essere riassunta in una frase: “Sensazione di pericolo!” – un pericolo i cui aspetti finanziari sono stati descritti sopra.
Considerando lo stato di eruzione della società e in particolare dopo le recenti proteste a livello nazionale, il misuratore di pericolosità del regime è attualmente troppo sensibile. Proprio come una ferita dolorosa che reagisce alla minima pressione, il regime ora si spaventa anche con i segnali più insignificanti che riceve, e i recenti commenti di Rouhani lo dimostrano. Inoltre, Rouhani vuole fingere di opporsi al divieto di Telegram e di ritenere la banda rivale responsabile della decisione, così da guadagnare qualcosa da questo.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,405FollowersFollow