giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaAmb. Giulio Terzi alla Manifestazione degli Iraniani a Parigi: Attacco a Campo...

Amb. Giulio Terzi alla Manifestazione degli Iraniani a Parigi: Attacco a Campo Liberty dimostra la paura dei mullah per i resistenti combattenti per la libertà

Illustri ospiti, cari amici,

lasciatemi esprimere prima di tutto il mio profondo rispetto e il mio appoggio alla presidente del CNRI Madame Rajavi e la mia più grande solidarietà ai fratelli e alle sorelle iraniane che a Camp Liberty coraggiosamente resistono e combattono per la libertà e per la dignità umana. 

Ancora una volta siamo convenuti a questa meravigliosa manifestazione per esprimere la nostra ferma determinazione.

E lo facciamo mentre i nostri fratelli e le nostre sorelle a Camp Liberty sono stati appena attaccati, ancora una volta, cinque giorni fa, dalle milizie terroriste guidate, organizzate e controllate da menti e mani piene di sangue a Teheran.

Questo attacco selvaggio dimostra la paura dei mullah per i resistenti combattenti per la libertà che non vogliono altro che la democrazia, il rispetto dei diritti umani e la sovranità per il loro popolo.

I mullah vogliono che i residenti del campo rinuncino alla loro lotta e sottomettano le loro libertà politiche ad un regime dispotico, o che vengano sterminati, dato che questi iraniani a Camp Liberty sono quelli che ispirano a tutto il popolo iraniano la voglia di un cambiamento democratico.

Ma i Mojahedin a Camp Liberty hanno dimostrato di essere determinati a proseguire la loro lotta, qualunque ne sia il prezzo. Essi sono simboli di coraggio, di eroismo, di sacrificio personale e di perseveranza. La stragrande maggioranza dei loro compatrioti vuole la libertà ed è certamente orgogliosa di coloro che combattono per essa a Camp Liberty.

Con la loro fermezza, anche a mani nude, i residenti del campo continuano la loro lotta contro il regime. Hanno dimostrato di essere una luce splendente per le milioni di persone nel mondo che pongono la libertà, la parità dei diritti e la promozione dello stato di diritto al di sopra di qualunque altra considerazione o compromesso.

Lasciatemi anche sottolineare i doveri del Governo degli Stati Uniti, delle Nazioni Unite e della comunità internazionale riguardo alla loro sicurezza ed incolumità. L’attacco del 4 Luglio dimostra ancora una volta quanto sia urgente la necessità che sia Stati Uniti che Nazioni Unite garantiscano la sicurezza al campo e trasferiscano tutti i suoi residenti fuori dall’Iraq il più velocemente possibile. Esorto anche il mio governo a condannare questo recente attacco ed a contribuire ad un intervento immediato per la sicurezza dei residenti.

Vorrei anche riferire di una questione specifica che è appena stata sollevata dal mio stimatissimo amico l’On. Alejo Vilas-Quadras. Nonostante qualcuno voglia vedere lucrose opportunità di affari in Iran all’indomani dell’accordo sul nucleare, the Joint Comprehensive Program of Action, la realtà è che ci sono grandissimi rischi economici, troppo grandi per essere ignorati per amore di un beneficio economico a breve termine. La Financial Action Task Force recentemente ha annunciato che manterrà l’Iran sulla sua lista nera, perché è ancora preoccupata per il rischio di finanziamenti al terrorismo che emana dall’Iran e per la minaccia che questo rappresenta per il sistema finanziario internazionale. Il Dipartimento di Stato americano ha nuovamente dichiarato che l’Iran è ancora il primo stato sponsor del terrorismo nel mondo, con il suo supporto a gruppi come Hezbollah ed Hamas, e il più destabilizzante nella regione. Le aziende straniere che entrano nel mercato iraniano devono essere consapevoli degli enormi rischi, nel momento in cui fanno affari con entità che possono essere segretamente controllate dall’IRGC ed esposte a sanzioni internazionali. Le meravigliose opportunità economiche con i mullah sono un falso. Una corsa all’oro non può esistere, ancora!

Infine, sono onorato di sottoporre alla vostra gentile attenzione una breve video-clip di qualcuno che è nel cuore di ciascuno di voi, Massoud Rajavi, che ha guidato la Resistenza Iraniana attraverso enormi sfide e momenti difficili. Egli ha cresciuto ed ispirato una generazione di combattenti per la libertà in Iran che sono diventati, attraverso la loro sconvolgente resistenza contro il fondamentalismo religioso, un modello e un’ispirazione per il nostro mondo contemporaneo. Le parole di Massoud Rajavi servono da ispirazione per tutti noi e per tutti quelli che anelano alla libertà. 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,485FollowersFollow