mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeEventsMeetingCONFERENZA A PARIGI NELLA GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE

CONFERENZA A PARIGI NELLA GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE

france paris maryam rajavi french assembly

Maryam Rajavi: La politica giusta è opporsi al regime delle esecuzioni, del terrorismo e del bellicismo

Mercoledì 11 ottobre si è tenuta a Parigi una conferenza parlamentare dal titolo “Insurrezione e resistenza al regime delle esecuzioni e dei massacri” in occasione della Giornata Mondiale contro la Pena di morte. Alla conferenza hanno partecipato Maryam Rajavi, diversi membri dell’Assemblea nazionale francese e altre personalità politiche.
Di seguito è riportato il testo delle osservazioni di Maryam Rajavi.

Nella Giornata Mondiale contro la pena di morte, onoriamo la memoria di 120.000 persone che hanno dato la vita per la libertà e la democrazia in Iran. Nel 1988, il regime al potere massacrò 30.000 prigionieri politici, più del 90% dei quali erano membri della Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK). Il loro crimine è stato quello di aver detto no alla tirannia religiosa.
La Giornata Mondiale contro la pena di morte è in particolare il giorno in cui tutta l’umanità può dire no ai mullah. Questo regime detiene da molti anni il record mondiale di esecuzioni.
Secondo il rapporto del Segretario generale delle Nazioni Unite, nel 2022 in Iran sono state giustiziate 582 persone, con un aumento del 75% rispetto al 2021.[1]
Quest’anno il numero delle esecuzioni è ancora più alto.
Nel suo rapporto di quest’anno, Amnesty International ha evidenziato che le autorità iraniane continuano a commettere crimini contro l’umanità e che molti dei suoi funzionari, tra cui Ebrahim Raisi, dovrebbero essere indagati penalmente.
In questo giorno vorrei ricordare i miei compatrioti beluci. Quest’anno sono state impiccate quasi 130 persone del Belucistan.
I mullah sono ricorsi a reprimere le rivolte con il cappio. Ma rimane la domanda: perché la Francia e le altre democrazie europee continuano a compiacere questo regime omicida?
I segreti della politica di condiscendenza
Recentemente, una rete di agenti del regime è stata smascherata nelle istituzioni politiche e nelle agenzie governative degli Stati Uniti e dell’Europa. Questa rivelazione ha messo in luce gli eventi dietro le quinte della politica di condiscendenza. Questa rete opera attivamente ad alti livelli a Washington, in Germania, in Svezia e senza dubbio in altri Paesi, compresa la Francia.
Questi agenti ricevono ordini direttamente dal regime iraniano e la loro missione è influenzare i governi occidentali a:
– Giustificare le posizioni e le richieste del regime teocratico riguardo al suo programma nucleare;
– Prevenire nuove sanzioni;
– Prevenire la designazione come entità terroristica delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC);
– Infiltrare altri agenti in posizioni governative e come esperti in Occidente.
Hanno diffuso questa grande menzogna secondo cui l’OMPI/MEK e il Consiglio Nazionale della Resistenza (CNRI) non avrebbero alcuna base di sostegno all’interno dell’Iran e non sarebbero un’alternativa.
La divulgazione di questa rete dimostra i fatti che abbiamo detto più volte:
– Il regime dei mullah detta la politica di pacificazione.
– L’IRGC e i ministeri di Teheran producono bugie per giustificare la pacificazione.
Secondo questa esperienza critica, ci si aspetta che la Francia prenda l’iniziativa di espellere gli agenti del regime dal suolo francese e europeo.
La politica europea sul regime dei mullah deve essere rivista
È giunto il momento di rivedere la politica europea.
Innanzitutto, la decisione della troika europea di mantenere le sanzioni contro il regime per i missili è un passo positivo. Ma non dovrebbero dimenticare di attivare il meccanismo di attivazione e ripristinare le sei risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sui progetti nucleari del regime.
In secondo luogo, l’accesso del regime ai mercati e alle università europee per facilitare la produzione di armi e mezzi di repressione dovrebbe essere impedito rafforzando il regime di sanzioni.
In terzo luogo, invito l’Assemblea Nazionale francese a seguire l’esempio del Parlamento europeo e dei Parlamenti di diversi Paesi europei e includere l’IRGC nella lista dei terroristi.
La necessità di opporsi al bellicismo dei mullah
Il mondo deve opporsi al bellicismo dei mullah. Strumentalizzare la questione palestinese è una tattica ben nota di questo regime ingannevole. Oggi Khamenei e Raisi vogliono trasformare la rivolta del popolo iraniano e la sua lotta contro il fascismo religioso in Iran in una guerra islamico-ebraica.
Cercano uno scudo e una copertura per contenere la rivolta e preservare il dominio dei mullah. La politica giusta è opporsi al regime teocratico, il principale sponsor statale di terrorismo e bellicismo.
La guerra con l’Iraq, durata 8 anni, è stata combattuta con lo slogan “Conquistare Quds (Gerusalemme) attraverso Karbala”. La guerra ha provocato un milione di morti, 2 milioni di disabili e feriti, 4 milioni di sfollati e ha causato danni materiali per un trilione di dollari dalla parte iraniana.
Oltre a ciò, si sono verificate esecuzioni quotidiane, soprattutto di membri dell’OMPI/MEK. Khomeini considerava la guerra una “benedizione divina” che avrebbe potuto coprire le esecuzioni e la repressione preservando il suo regime.
Dopo che l’Esercito di Liberazione Nazionale dell’Iran (NLA) conquistò la città di Mehran, cosa che lo costrinse ad accettare il cessate il fuoco, Khomeini ricorse al massacro dei prigionieri politici nelle carceri di tutto il Paese ed emise una fatwa per l’esecuzione immediata di ogni prigioniero rimasto fedele all’OMPI/MEK.
Khamenei ha dichiarato apertamente che se il regime non si impegna nei conflitti a Gaza, Libano, Siria, Iraq e Yemen, dovrà affrontare la gente inferocita e i giovani ribelli a Kermanshah, Hamedan, Isfahan, Teheran e Khorasan.
Khamenei fa affidamento sull’inazione dell’Europa e degli Stati Uniti quando ricorre alla guerra e alle esecuzioni.
Il massacro di civili innocenti alimenta il fascismo religioso in Iran e funge da scudo e copertura per reprimere la rivolta ed evitare la caduta del regime. Per raggiungere la pace e la libertà, si dovrebbe prendere di mira la testa del serpente (la dirigenza) a Teheran.
La tendenza al rovesciamento dei mullah non cesserà
La più grande menzogna del regime è negare la capacità del popolo iraniano e della Resistenza di ottenere il cambio di regime. Nonostante la dura repressione, la rivolta iraniana e il ruolo unico dell’OMPI e delle Unità di Resistenza hanno dimostrato la capacità della società iraniana di abbattere il regime. La traiettoria di questi sviluppi tende verso la caduta della tirannia religiosa. I mullah non possono fermare questa tendenza.
Non abbiamo mai chiesto ai governi occidentali di cambiare il regime al posto del popolo iraniano. Chiediamo che smettano di fornire assistenza diplomatica e logistica a questa dittatura religiosa. Questo fatto è stato sottolineato nelle dichiarazioni di quasi 400 membri dell’Assemblea Nazionale e del Senato francesi.
Inoltre, è necessario garantire i diritti fondamentali dei residenti di Ashraf 3, compresi i diritti sanciti dalla Convenzione di Ginevra del 1951, dalla Convenzione Europea sui Diritti Umani e in generale dal diritto internazionale. Questi diritti includono libertà di espressione e di riunione.
Oggi il mondo è convinto che il regime teocratico manchi di stabilità e di un futuro sostenibile e si interroga sulle prospettive dell’Iran post-mullah.
La Resistenza iraniana è impegnata su una piattaforma che sostiene libertà fondamentali, libere elezioni, abolizione della pena di morte, eguaglianza di genere, pari partecipazione delle donne alla dirigenza politica, un sistema giudiziario indipendente, autonomie nazionali, protezione ambientale e un Iran non-nucleare, così come la pace, la coesistenza e la cooperazione regionale e internazionale.
La Dichiarazione francese dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino, la Dichiarazione d’Indipendenza americana e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite hanno considerato la rivolta e la resistenza contro l’oppressione e la tirannia come diritto e dovere dei cittadini. Esortiamo il Parlamento francese e il mondo a riconoscere la lotta del popolo iraniano per rovesciare la tirannia religiosa.
[1] Rapporto provvisorio del Segretario generale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Iran, 20 giugno 2023.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow