mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeSenza categoriaUna conferenza al Senato italiano espone la campagna del regime iraniano per...

Una conferenza al Senato italiano espone la campagna del regime iraniano per demonizzare l’opposizione

Giovedì 19 ottobre, l’ex ministro degli Esteri italiano e attuale senatore Giulio Terzi ha presieduto una conferenza dal titolo “Iran: a un anno da Mahsa Amini, il regime continua a diffondere disinformazione”. Alla conferenza sono intervenuti anche On. Emanuele Pozzolo, membro della Commissione Affari Esteri della camera dei deputati, l’ex candidata presidenziale colombiana Ingrid Betancourt, Elisabetta Zamparutti, ex deputata e tesoriere della ONG Nessuno tocchi Caino contro la pena di morte, e Antonio Stango, presidente della Federazione Italiana per Diritti Umani.
Il senatore Terzi ha ricordato che il Parlamento europeo aveva annunciato lo stesso giorno che il Premio Sacharov sarà assegnato a Mahsa Amini e ai partecipanti al movimento “Donna, Vita, Libertà”. Questo “tributo a tutte le donne iraniane che lottano per la libertà”, ha detto, è stato un gesto importante “compiuto dai membri del Parlamento europeo”.
Il senatore Terzi ha fatto riferimento alla vasta campagna di demonizzazione del regime teocratico contro la Resistenza iraniana, aggiungendo che la macchina di disinformazione, propaganda malevola e demonizzazione dei mullah è stata attiva con l’obiettivo di reprimere i dissidenti e distorcere l’immagine della Resistenza iraniana all’interno e all’esterno dell’Iran per molti anni. L’altra faccia della medaglia di questi sforzi sono stati gli attacchi terroristici contro oppositori politici così come rappresentanti e attivisti della Resistenza iraniana oltre i confini dell’Iran. Abbiamo assistito a omicidi di rappresentanti della Resistenza a Roma, a Ginevra e in altri Paesi europei. E questo è ciò che accade fuori dall’Iran contro dissidenti che da molti anni sono rifugiati politici.
L’ex ministro degli Esteri italiano ha aggiunto che, attraverso questa “strategia abominevole”, i mullah hanno diffuso disinformazione, censura e minacce, cercando di infiltrarsi non solo nel Parlamento italiano, ma anche fra i legislatori di altri Paesi, compreso il Parlamento europeo.
“Ci sono ancora persone che si lasciano convincere a bere dalle fontane avvelenate grazie alla disinformazione diffusa dalle ambasciate iraniane”, ha detto, descrivendo le ambasciate iraniane come fonti di notizie false e disinformazione, oltre ad essere coinvolte anche nella pianificazione di attacchi terroristici. Ha specificamente evidenziato il ruolo di un diplomatico iraniano residente a Vienna, Assadollah Assadi, nel complotto per fare esplodere una bomba a un raduno di espatriati iraniani e sostenitori politici che ebbe luogo appena fuori Parigi nel 2018.
“Continuiamo ad avere queste ambasciate sui nostri territori e siamo costretti a subire la contaminazione di questa campagna di disinformazione. Questo per meschini interessi economici”, ha detto Terzi. “Molti in Europa hanno deciso di accettare queste bugie demonizzando i Mujahedin-e Khalq (MEK). Ma, come abbiamo visto negli ultimi 17 anni, la storia è completamente diversa. Il MEK ha vinto nei tribunali e in tutti gli organi giudiziari. Ci sono sentenze che condannano e multano i principali organi di informazione per calunnia e diffamazione. Ma stiamo ancora subendo queste campagne diffamatorie. Ciò è vergognoso per coloro che lodano e ammirano gli sforzi straordinari del MEK e del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran”.
Il discorso della signora Betancourt alla conferenza ha spiegato la storia della sua conoscenza con il MEK e la raffica di false informazioni sul MEK da parte del regime iraniano che ha incontrato. Ha anche parlato della sua ricerca che le ha permesso di comprendere la realtà della campagna di demonizzazione dei mullah e ha fornito l’ultimo rapporto sulla macchina del regime per diffondere menzogne.
La signora Betancourt ha incoraggiato tutte le parti interessate a conoscere le migliaia di e-mail che sono state rese pubbliche che descrivono in dettaglio la campagna di disinformazione del Ministero degli Esteri iraniano contro la Resistenza iraniana. Ha spiegato:
“Il regime ha cercato innanzitutto di reclutare persone con doppia nazionalità: iraniana e americana, tedesca, svedese, francese ecc….. Persone che avevano un certo grado di credibilità e avevano legami con il mondo accademico. Il regime ha creato quella che è diventata nota come “Iniziativa degli Esperti Iraniani”. Sembrava una cosa piuttosto buona e ‘americana’, molto genuina. Ma dalle e-mail si vede che le persone che hanno lavorato a questa iniziativa non sono effettivamente degli esperti. Sono individui che sono stati pagati per diffondere informazioni false. Apparivano come individui senza legami con la Resistenza, con l’Iran e con funzionari politici. Questi individui avevano una missione, quella di denunciare la Resistenza iraniana, umiliarla e accusarla di gravi reati”.
Riferendosi alla partecipazione a quell’iniziativa di accademici e funzionari politici come Arianne Tabatabai e Dina Esfandiari, l’ex candidata presidenziale colombiana ha detto: “Hanno portato il diavolo e lo hanno messo in chiesa. Immaginate l’efficacia di un governo come quello degli Stati Uniti. L’Iran riesce a infiltrarsi nel governo degli Stati Uniti e a collocare le proprie teste parlanti come consiglieri in modo che possano definire le politiche da attuare”.
È poi intervenuto On. Emanuele Pozzolo, il quale ha affermato: “Come ho indicato ieri durante la riunione della Commissione Affari Esteri, il regime iraniano è specificamente coinvolto nella diffusione di false informazioni contro il MEK in Italia e in altri Paesi occidentali. Senza pretendere di avere una conoscenza particolarmente approfondita, mi rendo conto che chi gestisce oggi la politica iraniana è assolutamente ed esclusivamente terrorizzato dal MEK. Mi chiedo quindi, come ho fatto ieri in Parlamento, e chiedo ai colleghi e ai media, come non capire che un regime ingannevole, il primo finanziatore statale del terrorismo, svolge queste attività? Il Parlamento, e il Parlamento europeo, devono suonare seriamente il campanello d’allarme per risvegliare tutti coloro che devono aprire gli occhi sull’Iran e su ciò che il regime ha affermato oggi”.
Dopo avere evidenziato il ruolo dell’ambasciata del regime a Roma nella campagna di disinformazione, Elisabetta Zamparutti ha dichiarato: “Quando la Camera dei Deputati ha accolto e dato la possibilità di parlare alla signora Maryam Rajavi, è stato molto importante. Era una realtà estremamente preoccupante per l’Iran. Perché se questa organizzazione non avesse realmente alcun legame con il popolo iraniano, perché ci sarebbe bisogno che il nostro ambasciatore venga convocato a Teheran? E perché ci sarebbe la necessità di questi articoli preparati su misura a meno che, nella Resistenza iraniana e nel MEK, il regime non veda un’alternativa radicale, che ha davvero creato una grande paura nel regime religioso, misogino e omicida degli ayatollah?”.
Antonio Stango ha aggiunto: “Purtroppo, molti governi democratici sono caduti nella trappola della campagna di disinformazione del regime iraniano, o sono voluti cadere in quella trappola. Ricordo un momento in cui nel giugno 2003, 20 anni fa, ero a Parigi e vidi quella terribile azione dell’allora governo francese contro la Resistenza. Si trattò di un’azione intrapresa sulla base della disinformazione e Maryam Rajavi e altri furono arrestati in una ridicola cosiddetta “operazione antiterrorismo”. Ovviamente il governo francese dovette poi scusarsi. La magistratura avrebbe dovuto rendersi conto subito che quelle accuse erano infondate, come era accaduto più volte. Ma nel frattempo il regime continua a diffondere simili false informazioni. Ciò va avanti da decine di anni contro la Resistenza. Dobbiamo capire che tipo di rapporti esistono con le ambasciate del regime, che in realtà dirigono i terroristi in tutta Europa e in altri Paesi. I punti di vista della Resistenza iraniana sono quelli articolati nel Piano in dieci punti della signora Rajavi e confermati dal CNRI: un governo laico, separazione tra religione e Stato, pari opportunità per tutti, uguaglianza di genere e abolizione della pena di morte e della tortura”.
In fine On. Pozzolo ha letto il messaggio della deputata Naike Gruppioni, membro della Commissione Affari Esteri ( Italia viva ), in cui scrive: Ieri proprio al Senato sono stata chiamata ad introdurre un dibattito importante sulla guerra ibrida e disinformazione. La fake news sono un ‘arma pericolosa e noi dobbiamo prenderne atto e contrastarla con la verità, ed oggi voglio parlare proprio della verità.
Condanniamo il terrorismo quello di Hamas e quello del regime iraniano che da anni stiamo combattendo grazie al movimento della sig. La Rajavi che con tanta forza e coraggio si oppone all’opressione, il regime iraniano toglie la libertà e semina morte e tutti dovremmo lottare per i diritti delle persone che abitano questo mondo. Grazie sig. Rajavi di sostenerci tutti in questa battaglia. L’unica guerra degna di essere combattuta e ‘ quella per la libertà. Grazie A tutti coloro che lavorano per combattere le ingiustizie . A Parigi per la prima volta vi ho incontrato . La vostra energia e la vostra forza mi hanno coinvolto nella giusta e unica missione di sostenere la vita. tutti meritano di poter scegliere chi essere e come vivere. Ammiro la vostra forza e sono orgogliosa di essere una di voi parte. Contate su di me , su di noi .. vi siamo vicini e vi sosteniamo. Il vostro polpo lo , il nostro mondo di merita la pace .
Alla conferenza è stata presente anche la senatrice Cinzia Pellegrini.
Hanno partecipato alcuni collaboratori di senatori e Deputati, personalità politiche e accademiche italiane e rappresentanti dei media, tra cui TG1 e ANSA, che hanno diffuso resoconti.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow