sabato, Aprile 13, 2024
HomeNotizieIran NewsSotto i riflettori dei media: funzionari del regime iraniano espongono il loro...

Sotto i riflettori dei media: funzionari del regime iraniano espongono il loro ruolo nella crisi regionale

gaza bombing october 2023 (1)

Il 3 ottobre, l’account Twitter ufficiale che riflette le posizioni della “Guida suprema” del regime iraniano ha pubblicato una serie di 14 post consecutivi. La retorica del post è stata diffusa non solo in inglese ma anche in persiano, spagnolo, russo e arabo, evidenziando la posizione assertiva del mittente sulla scena globale.


Nel corso della sua esistenza, carica di terrore, il regime teocratico ha costantemente sfruttato le tensioni internazionali per distogliere l’attenzione dalle sfide interne. Alle prese con una società esplosiva e un’economia fatiscente, aggravate da forze di sicurezza scoraggiate e da un aperto dissenso dei funzionari statali contro Khamenei, il regime sta affrontando un momento critico, in cui anche il rischio della vita di una ragazza di sedici anni scuote le fondamenta del regno della “Guida suprema”.
Pertanto, a partire dal 7 ottobre, i media statali iraniani e i canali di social media legati al Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, l’entità che amministra le forze paramilitari per procura nella regione, hanno mostrato sfacciatamente gli interessi del regime nella crisi in corso e stanno coprendo trionfalmente gli eventi ora dopo ora. ora, minuto dopo minuto.
Etemad Online, un sito web statale di informazione affiliato ai cosiddetti “riformisti”, ha pubblicato un rapporto il 7 ottobre con il titolo “Le fiamme della guerra tra Palestina e Israele si intensificano mentre i gruppi di resistenza prendono l’iniziativa”.

Anche l’agenzia di stampa Tasnim ha twittato il 7 ottobre: “Il consigliere del comandante in capo delle forze armate ha dichiarato: ‘Noi sosteniamo l’operazione Tempesta di Al-Aqsa e siamo certi che anche il Fronte della Resistenza sostiene questa causa. Indubbiamente, i difensori del santuario e grandi martiri come Qassem Soleimani sono con questi guerrieri. Resteremo al fianco dei combattenti palestinesi fino alla liberazione della Palestina e di Gerusalemme”.
L’account Twitter associato all’agenzia di stampa Fars gestita dall’IRGC ha citato queste parole di un rappresentante di Hamas: “Il sostegno di ieri da parte del popolo iraniano è incoraggiante per la Palestina”.
In un tweet dell’8 ottobre, l’agenzia di stampa Fars ha citato le parole del capo di stato maggiore delle forze armate del regime, maggior generale Ali Baqeri: “La Tempesta di Al-Aqsa ha senza dubbio trasformato l’incubo del crollo in una certezza per i capi del regime sionista. Sforzi frenetici come la ridicola dimostrazione di normalizzazione non saranno in grado di rallentare il processo di declino e il crollo della casa del ragno”.
L’8 ottobre l’agenzia semi-ufficiale ISNA, legata alla cosiddetta fazione moderata, ha pubblicato un rapporto dal titolo “Il collegamento di Gaza con la costa occidentale: un nuovo incubo per il regime sionista”.

Un account Twitter non verificato chiamato Sepah Media, che condivide principalmente contenuti sulle dichiarazioni del regime teocratico, ha pubblicato la seguente frase: “Vi avevamo detto che saremmo venuti per voi”.


Incitando apertamente all’estorsione e alla presa di ostaggi, l’agenzia di notizie Tasnim ha twittato: “Atvan, analista e caporedattore del quotidiano Raya Al-Youm, ha affermato che ‘le forze di resistenza di Gaza hanno catturato oltre mille individui. Questo numero di prigionieri sionisti è sufficiente a liberare tutti i prigionieri palestinesi dalle carceri sioniste”.
Similmente ai canali mediatici associati all’IRGC, Jamaran Online, gestito da Hassan Khomeini, un nipote del fondatore del regime che ha sempre finto di avere opinioni “riformiste”, ha condiviso su Twitter un video in cui appoggiava i droni suicidi. Il messaggio di accompagnamento diceva: “Debutto del drone suicida ‘Al-Zawari’ da parte delle Brigate Al-Qassam durante l’Operazione Al-Aqsa Storm”.
Il 10 ottobre, Hojat Qasemkhani, la guida della preghiera del Venerdì di Khoy, ha detto: “I combattenti palestinesi combattevano con coltelli e pietre, ma oggi, grazie alla Rivoluzione Islamica, la loro lotta coinvolge droni e missili”.
Lo stesso giorno l’agenzia di stampa ufficiale IRNA ha citato una dichiarazione del portaparola dell’IRGC Ramezan Sharif secondo il quale l’operazione di Hamas è stata condotta “per fermare la continuazione dei crimini israeliani” e il fronte della resistenza non ha avuto altra scelta se non quella di progettare ed eseguire questa operazione per impedire la continuazione di questi crimini”.

Secondo l’IRNA, “Sharif è intervenuto martedì a una riunione del ‘Quartier Generale della Rivolta e di Quds’, alla presenza di Naser Abusharif, rappresentante del Movimento della Jihad Islamica in Palestina nella Repubblica Islamica dell’Iran, e rappresentanti delle agenzie e istituzioni affiliate alla sede centrale, presso l’ufficio centrale del Consiglio di Coordinamento per la Propagazione Islamica”.
Secondo l’agenzia di notizie Tasnim gestita dall’IRGC l’8 ottobre, il capo delle forze statali di sicurezza Ahmadreza Radan ha dichiarato: “Seguendo il percorso dei martiri, a Dio piacendo, l’asse della resistenza trionferà. Sicuramente il fronte islamico risulterà vittorioso. In questa operazione senza precedenti, avvenuta con l’ingresso dei combattenti palestinesi negli insediamenti israeliani via terra, aria e mare, il regime sionista ha subito un duro colpo sia in termini di intelligence che di operazioni”.
Il quotidiano Farhikhtegan affiliato ad Ali Akbar Velayati, ex ministro degli Esteri del regime iraniano e ora consigliere di Khamenei per gli affari internazionali, ha pubblicato un articolo molto interessante il 9 ottobre. Nell’’articolo, intitolato ‘Le terre sono liberate dopo le menti’, si legge:
“L’evento storico della mattina del 7 ottobre nei territori meridionali occupati non è stato un episodio ordinario; ha un significato straordinario da questa prospettiva. Forse nessuno può paragonare l’ingresso dei palestinesi nelle zone occupate ad un altro evento storico. In termini militari e di sicurezza, l’immagine storicamente impenetrabile dei confini del regime sionista è crollata… In questa prospettiva, al fine di trovare un quadro concettuale che chiaramente spiega gli interessi nazionali dell’Iran nella questione palestinese, questo evento significativo può essere descritto su tre livelli analitici.
1. Gli americani miravano a mettere a tacere tutte le forze che erano contrarie alla normalizzazione [con Israele] su tre livelli all’interno del mondo islamico: primo, i combattenti all’interno della Palestina; in secondo luogo, gruppi di resistenza organizzati nei Paesi vicini come il Libano; terzo, le forze sociali che si oppongono alla presenza di Israele tra i musulmani. La grande operazione di sabato è stata un duro colpo all’idea di normalizzazione dal punto di vista dell’assimilazione della società palestinese tra gli occupanti sionisti. L’ipotesi si basava sull’idea: ‘Se i palestinesi accettano l’esistenza di Israele, perché noi persistiamo inutilmente?’. Gli americani erano sul punto di cedere le redini dalle mani degli arabi a quelle avvelenate dei sionisti, e ora la scena è cambiata. Israele è costretto a rimuovere la facciata e a ritornare alla sua essenza: la ‘repressione cruenta’.
2. Il colpo storico e grave alla sicurezza dei sionisti, oltre a identificare e smascherare i movimenti anti-iraniani, indebolisce la sicurezza e il potere esecutivo dell’opposizione. Israele è stato il centro di comando delle operazioni anti-Iran lo scorso anno e ora sente il pericolo proprio alle sue porte. In Israele sono state condotte operazioni di pianificazione per assassinare gli scienziati nucleari iraniani e sabotare strutture militari sensibili, e si è tentato di creare una rete di intelligence all’interno dell’Iran, che è stata chiaramente utilizzata nell’autunno del 2022. Quando il fuoco raggiunge completamente quella sala operativa, il punto di opposizione all’Iran si indebolisce e Teheran ha il sopravvento in termini di sicurezza e intelligence. I sionisti e gli americani sanno che ciò che è più importante dell’operazione del 7 ottobre è la dimostrazione della vulnerabilità di Israele come avvertimento per i dirigenti della regione. Israele avrebbe dovuto proteggere i Paesi attorno al Golfo Persico dall’Iran, ma ha perso contro gli strumenti più deboli di Teheran.

L’ultimo punto riguarda il fallimento primario degli americani. Pensavano che assassinando il generale Qasem Soleimani, comandante della Forza Quds dell’IRGC, la sicurezza di Israele e la propria fossero garantite. Ad esempio, Mike Pompeo, il segretario di Stato americano che fu uno dei pianificatori dell’operazione dell’aeroporto di Baghdad, ha scritto nelle sue memorie: ‘Quando si tratta di autorità, intelligence, ecc., la Repubblica Islamica non ha un sostituto per Qasem Soleimani’. Questa ipotesi è crollata con l’operazione del 7 ottobre.
Indebolire i sionisti e mandare in frantumi l’idea di normalizzazione è una preziosa opportunità per l’Iran da una prospettiva interna. Il pesante confronto degli ultimi anni ha consumato gran parte dell’attenzione e delle risorse dell’Iran. Ora Israele, con il grave colpo alla sicurezza ricevuto dal sud, dovrebbe preoccuparsi del nord e della costa sud-occidentale. Mentre il fatto che ci siano prigionieri nelle mani delle forze della resistenza li mette in una situazione difficile per vendicarsi di Gaza, questa situazione fornisce all’Iran le condizioni per concentrarsi sui suoi progetti di sviluppo interno e di ricostruzione. Gli israeliani hanno subito un colpo devastante e saranno disorientati per molto tempo. Questo colpo devastante è l’inizio della fine per i sionisti. La condizione fondamentale, tuttavia, è la ricostruzione delle capacità sociali ed economiche dell’Iran. La trasformazione interna consolida gli elementi del potere nazionale, proprio come l’Iran ha sconvolto i piani americani nella regione, e ora loro sono in subbuglio. Ora è il momento di ricostruire le fratture interne”.
In un editoriale del 9 ottobre, come se conoscesse tutti i retroscena dell’attentato, il quotidiano Kayhad ha scritto:
• “La recente sconfitta di Israele è, per certi aspetti significativi, più amara della guerra dei 33 giorni. Allora Hezbollah aveva più spazio di manovra, ma a Gaza Israele è completamente assediato. Mentre Hezbollah prendeva diversi ostaggi e iniziava la guerra, Israele si preparava da mesi all’attacco e aspettava una scusa. Tuttavia, questa volta, l’esercito e i servizi segreti israeliani sono stati colti completamente di sorpresa. Il Mossad e lo Shin Bet hanno dovuto affrontare un’umiliante sconfitta contro l’unità di intelligence della resistenza palestinese, una battuta d’arresto senza precedenti nella storia dei servizi di intelligence. Nonostante avesse molte spie a Gaza, Israele non è riuscito a ottenere informazioni sulla pianificazione durata mesi di questo complesso attacco.
• L’esercito israeliano e le unità di difesa come “Iron Dome”, “David’s Sling” e “Arrow” sono rimasti indifesi contro i fragorosi attacchi feroci e mortali. Le forze della resistenza nell’area assediata di Gaza hanno effettuato operazioni su sette assi, facendo piovere oltre 5.000 missili e razzi sui sionisti, raggiungendo persino Tel Aviv, riducendola in macerie. Il significato di questo volume di missili è chiaro. Hamas e la Jihad islamica hanno sicuramente un arsenale di missili e razzi che hanno accumulato per almeno un mese, e nella prima ora dell’operazione ne hanno lanciati circa 5.000 in un diluvio paralizzante.
• Questa guerra è una guerra di volontà e il grande gioco dei giganti. Fino a poche settimane fa, i media descrivevano Israele pronta a raggiungere i confini dell’Iran a nord, sud e ovest, normalizzando le relazioni con alcuni Paesi del Golfo e preparandosi a destabilizzare l’Iran con l’aiuto degli Stati Uniti. Netanyahu ha illustrato la sicurezza e la stabilità di Israele attraverso “l’espansione delle alleanze nella regione” alle Nazioni Unite utilizzando dipinti, grafica e pennarelli. Ma ora non c’è nessuno che possa salvarlo dal pantano; molti di questi piani sono andati in malora. Questo evento nella sua essenza serve da monito per coloro che erano intrappolati nelle illusioni e stavano pagando il prezzo per il regime sionista.
• Il fronte di Gaza è solo uno dei tanti fronti di resistenza aperti contro i sionisti dal sud e, se necessario, altri fronti verranno aperti da est, nord e sud-ovest. Hamas, Jihad Islamica, Hezbollah, Siria, Iran e la resistenza in Iraq e Yemen sono ora in completo coordinamento. Il segretario generale di Hezbollah ha dichiarato: “Nella battaglia in corso con gli occupanti israeliani, non siamo imparziali, e i combattenti della resistenza nelle fattorie di Shabaa hanno lodato Gaza a modo loro”. Israele non ha la capacità di iniziare una guerra di terra e un attacco diffuso a Gaza. Anche se ne avessero avuto le capacità, durante l’era di Sharon, egli dovette fuggire da Gaza dopo l’invasione e l’occupazione, nell’estate del 2005. Questo mentre a quel tempo la resistenza di Gaza aveva solo un decimo della forza e delle capacità organizzative di oggi.
• Le dichiarazioni fatte dall’Imam Khomeini, da Khamenei e da Seyyed Hassan Nasrallah, che prevedevano l’imminente caduta di Israele, hanno trovato eco negli ultimi tempi da parte di funzionari sionisti, racchiuse nella frase ‘Israele è nell’incubo di non vedere i propri 80 anni’. Questo echeggia un consenso sul fatto che ‘il regime sionista è in declino’, una convinzione supportata da vari segnali rivelatori”.
Oltre al gioco di doppiezza e alle pratiche ingannevoli del regime clericale, dirigenti di primo piano di Hamas e Hezbollah, entrambi sostenuti e finanziati da Teheran, ammettono apertamente che il regime guidato da Khamenei ha aiutato e pianificato i recenti attacchi.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow