martedì, Novembre 29, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleRajavi sollecita una campagna internazionale per sostenere la rivolta del popolo iraniano

Rajavi sollecita una campagna internazionale per sostenere la rivolta del popolo iraniano

 ImageCNRI, 07 luglio – Il presidente eletto della Resistenza iraniana , Maryam Rajavi si è congratulata con i familiari di coloro che sono stati uccisi durante la rivolta nazionale della popolazione iraniana ,che hanno coraggiosamente fatto un raduno sulle tombe dei loro cari. Si è rivolta con gratitudine anche ai familiari di chi è stato arrestato in queste tre settimane, e di chi ha tenuto proteste di fronte al carcere di Evin a Tehran e alla Corte Rivoluzionaria del regime.
Maryam Rajavi ha chiesto a tutti gli iraniani di manifestare la propria solidarietà e di aiutare queste famiglie, aggiungendo:" Questa solidarietà è un dovere nazionale e patriottico, ed è parte essenziale del sollevamento popolare per la democrazia, la sovranità popolare e il rifiuto della tirannia ." Il Presidente eletto della Resistenza iraniana ha sollecitato tutti i partiti politici, i politici, i parlamentari , i giuristi, e gli attivisti per i diritti umani e politici, a supportare la rivolta della popolazione iraniana per la libertà, di aiutare coloro che sono in carcere, e di dimostrare solidarietà ai familiari dei martiri e dei prigionieri.
Maryam Rajavi si è soffermata sull'omicidio di ben 200 dimostranti nelle scorse 3 settimane, dicendo che:
 
– Migliaia di dimostranti sono stati arrestati e sottoposti a brutali torture, come è stato reso evidente dall'omicidio di Kianoush Asa, uno studente universitario di 25 anni;
– Una commissine di tre membri è stata creata dal regime, composta dagli agenti più criminali del regime, tra cui un ex ministro dell'intellingence e due ex membri della commissione del 1988, coinvolti nel massacro di 30 mila prigionieri politici nel corso di svariate settimane;
-Alla luce dell'imposizione di torture fisiche e psicologiche sui detenuti, compresi membri di fazioni rivali, allo scopo di farli confessare a forza in televisione;
– Alla luce della direttiva criminale emessa dal Capo della Giustizia del regime, Mahmoud Hashemi Shahroudi, in cui si ordina che chiunque collabora con canali televisivi satellitari o siti internet contrari al regime deve essere arrestato e punito per "azioni contrarie alla sicurezza nazionale";
– E, alla luce del fatto che nonostante tutta la violenza e la brutalità , la rivolta della popolazione iraniana per la libertà sta ancora continuando e i giovani gridano " Dio è grande" e "Morte al dittatore" in tutto l'Iran,
 
Ha sollecitato tutti i partiti politici e i capi, gli avvocati, i giuristi, gli intellettuali, gli attori, gli artisti , le associazioni dei lavoratori e degli studenti, i sindacati, le organizzazioni e el autorità per i diritti umani e la libertà di espressione di diversi paesi, ad utilizzare tutti i mezzi possibili per supportare la rivolta della popolazione iraniana in nome della libertà, e di darsi da fare per liberare i prigionieri e manifestare solidarietà ai familiari delle vittime e agli arrestati in queste proteste.
 
 
Maryam Rajavi in particolare ha chiamato il Segretario Generale delle Nazioni Unite, il Consiglio di Sicurezza e tutti i membri delle Nazioni Unite, nonchè tutti i responsabili di organismi internazionali, ad adottare le seguenti misure:
 
1) Inviare una delegazione internazionale per indagare sulle circostanze nelle quali sono scomparse numerose persone e sui prigionieri politici, soprattutto coloro che sono stati arrestati in queste settimane , cercando di evitare l'imposizione di pressione sui detenuti per farli confessare pubblicamente, e produrre un'accurata lista delle persone uccise durante la rivolta , indicando anche il loro luogo di sepoltura;
 
2) Sospendere tutte le relazioni diplomatiche e imporre sanzioni adeguate sul regime clericale, mentre si deve vietare agli agenti iraniani di far visita all'estero, fino a che la soppressione non sarà cessata del tutto in Iran e tutti i prigionieri politici non saranno liberati;
 
3) Forzare il regime ad annullare le finte elezioni del 12 giugno e ad accettarne di nuove sotto la supervisione delle Nazioni Unite , sulla base della sovranità popolare e non sul prevalere del potere dittatoriale;
 
4) Riferire il caso di queste finte elezioni del 12 giugno e la soppressione della popolazione, nonchè il massacro dei prigionieri politici, al Consiglio di Sicurezza delle NU , processando gli ufficiali responsabili del massacro della popolazione iraniana , compreso Ali Khamenei e Mahmoud Ahmadinejad.
 
Segretatariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
7 luglio 2009

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,396FollowersFollow