sabato, Dicembre 10, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleRajavi chiede iraniani di rimanere uniti e chiede alle forze di sicurezza...

Rajavi chiede iraniani di rimanere uniti e chiede alle forze di sicurezza di non attaccare la gente

I sostenitori della pace e della stabilità nella regione e del mondo devono stare con il popolo iraniano

ImageCNRI – Durante una cerimonia tenutasi nella sua residenza a nord di Parigi, la scorsa domenica, la signora Maryam Rajavi, presidente eletta della resistenza iraniana, ha accolto con favore la rivolta coraggiosa degli iraniani in occasione dell'Ashura. La rivolta di oggi, con gli slogan "Morte a Khamenei" e "Morte al principio del Leader Supremo," ha avuto luogo nonostante la presenza massiccia delle forze repressive. Quest’ultimo fatto indica che il corso degli eventi che stanno portando al crollo della dittatura religiosa nella propria interezza sta raggiungendo un punto di non ritorno. Questi sono gli slogan, il modo in cui sono stati uccisi 120.000 simpatizzanti della resistenza iraniana per mano del regime iraniano e che migliaia di membri dell'Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (OMPI), attualmente risiedono nel Campo di Ashraf.

La Sig.ra Rajavi ha chiesto a tutti gli iraniani di tutte le classi sociali, religiose e gruppi politici ad essere solidali fra di loro. Maryam Rajavi chiede agli iraniani di rimanere uniti e chiede alle forze di sicurezza di non attaccare la gente Quest’ultima ha inoltre ordinato vigorosamente ai funzionari delle Forze di Sicurezza di Stato (FSE) ad astenersi da ogni aggressione, arresto o maltrattamento nei confronti di coloro che protestano per la libertà.

La Sig.ra Rajavi ha affermato: Tutti coloro che non desiderano essere coinvolti in crimini commessi per mano di Ali Khamenei e si rifiutano di condividere la costituzione di questo regime, dovranno prendere le distanze dal regime e dalla sua repressione .

La presidente eletta della resistenza iraniana, ha aggiunto: C'è solo una possibilità per affrontare l’immediato pericolo di acquisizione da parte della dittatura religiosa dell'arma nucleare e l’esportazione del terrorismo, ed è il cambiamento del regime dei mullah da parte del popolo iraniano e della sua resistenza, i cui segni sono ormai chiari per tutti. I sostenitori della pace e della stabilità nella regione e del mondo deve stare con il popolo iraniano, e porre fine alle vergognose concessioni con la dittatura religiosa, tra cui il fasullo etichetta mento della resistenza iraniana all’interno della lista nera.

Ha espresso la speranza, infine, che tutti i governi in particolare gli Stati Uniti e l'Unione europea, riconoscano la realtà della situazione ed abbandonino la politica di accondiscendenza con la dittatura religiosa.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
28 Dicembre 2009
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,489FollowersFollow