lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleLa corte USA : la decisione per mantenere i Mojahedin sulla lista...

La corte USA : la decisione per mantenere i Mojahedin sulla lista nera mancava una prova sufficente

ImageLa Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia stabilisce che la decisione da parte del Segretario di Stato di mantenere il PMOI sulla lista FTO ( Organizzazioni terroristiche estraniere ) ha violato un giusto processo  e non aveva prove sufficienti. La Corte danno rinvia il caso al Segretario per una revisione

 La Corte d'Appello degli Stati Uniti del Distretto di Columbia ha emesso la sua sentenza oggi, definendo la decisione dell’ allora Segretario di Stato Condoleezza Rice, di rifiutare di togliere i Mojahedin del Popolo (PMOI) dalla lista delle organizzazioni terroristiche straniere (FTO) , in quanto mancano prove sufficienti, come violazione di un giusto processo e illegale. Essa ha rinviato il caso al Segretario di Stato e lo incarica di rivedere la sua decisione secondo le modalità indicate dal giudice.

Nella sua sentenza, il giudice ha detto: "Noi riconosciamo che l'applicazione rigorosa e immediata dei principi della legge che abbiamo in essa applicato avrebbe potuto essere adottata per richiedere una revoca di tale definizione [] prima di noi [ma]. .. dobbiamo anche riconoscere la realtà della politica estera e della sicurezza nazionale affermata dal Segretario a sostegno della definizione. " Abbiamo così … rinviato con istruzioni al Segretario di fornire al PMOI l'opportunità di rivedere e confutare le parti non classificate del passato sul quale si sarebbe fondato ".

La signora Maryam Rajavi, Presidente eletta della Resistenza Iraniana, ha detto a questo proposito che, mentre il sostegno della giustizia e il rispetto della legge hanno reso necessario che tale definizione oppressiva e ingiusta avrebbe dovuto essere completamente annullata, come è stato deciso dai giudici nel Regno Unito e nell Unione europea, tuttavia, questa stessa sentenza e il rinvio al Segretario di Stato dimostra che l'etichetta di terrorismo contro il PMOI, e l'insistenza di continuarla, è stata semplicemente una decisione politica, nel quadro di placare i mullah assetati di sangue e sulla base dell’illusione di cambiare il comportamento del medievale regime al potere in Iran.

La conclusione logica del diritto e di questa sentenza impone al Segretario di Stato di revocare la definizione di terrorismo del PMOI e di rimuovere tutte le sue conseguenze negative, senza alcun ritardo. Questa definizione è stata fin dall'inizio un abuso di potere e un tentativo di aiutare l’apparato di esecuzione e di tortura del regime iraniano. Da questo momento in poi, mantenere il PMOI sulla lista sarebbe una sfacciata sfida alla legge e alla sentenza della corte d'appello.

La presidente eletta della Resistenza Iraniana ha aggiunto che negli ultimi decenni, l'etichetta di terrorismo nei confronti del PMOI è stata l'ostacolo più importante al cambiamento in Iran e ha contribuito notevolmente a preservare la dittatura religiosa. Nonostante questi ostacoli, tuttavia, l'Iran è sul punto di cambiare, che sarà realizzato dal popolo iraniano e dalla sua resistenza organizzata, ha detto la signora Rajavi.

Nel corso del procedimento giudiziario, diversi membri della Camera dei Rappresentanti, 260 parlamentari provenienti da Europa, 100 membri del Parlamento britannico, un certo numero di ufficiali militari USA che precedentemente aveva prestato servizio a Campo Ashraf e 15 comunità iraniano-americane ha presentato dei ben documentati amicus curiae  al tribunale, chiedendo la rimozione del PMOI dalla lista FTO.

Nel loro breve amicus curiae alla Corte d'Appello del Distretto di Columbia, i membri della Camera dei Rappresentanti avevano sottolineato, "Gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti – la giustificazione più frequente e più convincente per deferenza giudiziaria – di per sé è sufficiente a revocare una definizione ma non per cominciare o mantenere una definizione. Non vi è alcun mandato legale, quindi, per un tribunale di far valere considerazioni di sicurezza nazionale di rinviare la decisione del Segretario sulla definizione. "

In precedenza, sette sentenze dei tribunali europei, tra cui la Corte d’Appello della Gran Bretagna, presieduta da Lord Chief Justice Phillips, e del Tribunale di Primo Grado delle Comunità europee, ha esaminato migliaia di pagine di materiali classificati e non classificati e ha concluso che l'etichetta di terrorismo contro il PMOI era "errata" e una "beffa" per lo stato di diritto in Europa. Di conseguenza, hanno ordinato la rimozione della scheda del PMOI dalle liste terroristiche del il Regno Unito e dell’Unione europea.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

16 Luglio 2010

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,448FollowersFollow