lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeComunicati StampaDiritti UmaniLa Commissione Giuridico del CNRI condanna la detenzione del procuratore Abdolfattah...

La Commissione Giuridico del CNRI condanna la detenzione del procuratore Abdolfattah Soltani in Ira

ImageLa Commissione Giuridico del CNRI condanna la detenzione del procuratore Abdolfattah Soltani e ne richiede l`immediato rilascio.

La Resistenza Iraniana condanna la detenzione di Abdolfattah Soltani, l`avvocato di Akbar Ganji e della famiglia di Zahra Kazemi, uccisa sotto brutale tortura un paio d`anni fa nella prigione di Evin. Il CNRI ha fatto appello alle organizzazioni internazionali per i diritti umani per assicurare il rilascio di Soltani ed altri prigionieri politici.

Le forze soppressive del regime dei mullah hanno fatto incursione negli uffici di Tehran dell`Associazione degli Avvocati ed hanno imprigionato Soltani, membro del consiglio direttivo dell`associazione, che aveva attuato un sit-in.

Domenica, il portavoce dell`organo giudiziario Jamal Karimi-Rad ha presentato una ridicola denuncia per cui l`avvocato Soltani sarebbe stato denunciato per “aver divulgato documenti segreti sulle attivita` nucleari iraniane.” Soltani e` stato trasferito nel reparto 209 della prigione di Evin, gestito dal Ministero della Sicurezza e dell`Intelligence (MOIS).

Il dott. Sanabargh Zahedi, Presidente della Commissione Giuridico del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ha fermamente condannato l`arresto dell`avv. Soltani. “In linea di principio, il regime dei mullah non rispetta il diritto ad esercitare la professione degli avvocati e li considera una seccatura per il loro sistema giudiziario repressivo. Da parte loro, gli avvocati iraniani hanno compiuto grossi sforzi al fine di rendere palese l`ostilita` del regime alla legge ed ai diritti fondamentali.”

Negli anni scorsi, un gran numero di avvocati e giuristi iraniani sono stati giustiziati, assassinati e sono morti a causa di pressioni intollerabili.
Avvocati e giuristi, tra cui Shokrollah Paknejad, Manouchehr Massoudi, Mahmoud Bani Najjarian, Reza Khaksar e Zia Moddaressi, sono stati uccisi dopo essere stati orrendamente torturati. Il dott. Kazem Rajavi e Abuzar Vardasbi, anche loro giuristi, sono stati assassinati dal regime. Amin Amini e Manouchehr Gha`em Maghami sono stati assassinati dal MOIS.
Abdolhamid Ardalan, Presidente dell`Associazione Iraniana Avvocati e` morto a cause delle insopportabili pressioni. Centinaia di avvocati sono stati incarcerati o radiati dall`albo negli ultimi anni. L`Avv. Nasser Zarafshan, in prigione da un certo tempo, e` un chiaro esempio del trattamento riservato agli avvocati da parte del regime iraniano.

Il medioevale regime dei mullah ha calpestato i diritti del popolo iraniano ed in particolare i diritti dei prigionieri politici ad avere una difesa. Almeno 120.000 prigioneri politici sono stati giustiziati o uccisi sotto tortura senza che gli venisse garantito il diritto di difendersi a senza la presenza di un avvocato.

Il Presidente della Commissione Giuridico del CNRI ha fatto appello a tutti gli avvocati ed ai suoi colleghi affinche` levino una voce di protesta contro il soppressivo sistema giudiziario dei mullah ed affinche` concentrino la loro attenzione sull`assicurare il diritto all`avvocatura del popolo iraniano, cosa che potrebbe divenire realta` solo nel momento in cui questo regime disumano capitolasse.

Il dott. Zahedi ha fatto appello alla Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, alle Associazioni di avvocati e giuristi, alle Organizzazioni per i diritti umani per protestare contro le esecuzioni, la tortura e la crescente pressione esercitata sugli avvocati iraniani.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana.
3 agosto 2005

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,447FollowersFollow