lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeComunicati StampaGeneraleIran : Seguaci dell"Ahl-e-Haq hanno iniziato il nono giorno di scipero...

Iran : Seguaci dell”Ahl-e-Haq hanno iniziato il nono giorno di scipero della fame nella prigione

ImageCNRI, 8 Aprile – Nove seguaci della congregazione religiosa "Ahl-eHaq (una congregazione sciita seguace del primo Imam Ali) , hanno iniziato il nono giorno di sciopero della fame  nella prigione della città di Orumieh nel nordovest del paese. Lo sciopero è iniziato a seguito del loro arresto avvenuto senza alcuna accusa legale. 4 di essi si trovano in condizioni critiche in quanto si rifiutano di assumere anche liquidi. Il giudice della città do Orumieh ha dichiarato: "possono continuare lo sciopero fino alla morte; la nostra offerta sarà poi quella di seppellire i loro corpi in maniera adeguata".

Il regime degli Ayatollah ha commesso crimini come questo già nel febbraio 2006 contro membri dei Dervishes nella città di Qom ma anche nella città di Borujerd nel novembre scorso quando durante un attacco alla moschea, diversi Dervishes sono stati uccisi ed altri  arrestati.
In maniera molto simile lo scorso febbraio sono stati arrestati oltre 40 missionari sunniti nella città di Teheran. Il regime di Teheran ha subito forti condanne quando nel febbraio scorso il parlamento ha tentato di approvare un decreto legge che avrebbe previsto la condanna a morte per coloro che avessero ripudiato l’ Islam e si fossero convertiti ad altre religioni.
 
La Resistenza Iraniana si appella al Segretario Generale della Nazioni Unite , all’ Alto Commisariato per i Diritti Umani, al Responsabile ONU per le libertà di Religione o di Credo e a tutte le organizzazioni internazionali per i diritti dell’ uomo  affinche queste condannino le misure repressive contro le minoranze religiose adottate dal regime oscurantista al potere in Iran.
 
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

8 aprile 2008

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,914FollowersFollow