giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran - Rajavi : Scambio di combustibile nucleare è un inganno

Iran – Rajavi : Scambio di combustibile nucleare è un inganno

Rajavi: Richiesta del regime iraniano che abbia accettato di uno scambio di combustibile nucleare è un inganno   

ImageSi tratta di una manovra per evitare l'adozione di una risoluzione sanzione e il regime sta cercando di guadagnare più tempo per completare il proprio programma di armi nucleari

CNRI – La signora Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ha definito l'annuncio fatto dal regime iraniano di aver raggiunto un accordo per scambiare l'uranio arricchito in Turchia una manovra ridicola dai mullah di eludere le sanzioni internazionali.

 Il regime è estremamente timoroso dell’adozione di una nuova risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, cosi come al suo interno sta fronteggiando la rivolta popolare a livello nazionale e sta cercando di soffocare con una brutale repressione, la tortura e un crescente numero di esecuzioni.
La Sig.ra Rajavi ha aggiunto: “Questa manovra è la continuazione della frode in atto e dell'occultamento dei fatti da parte del regime al fine di completare il suo programma di armi nucleari. Il regime considera la bomba nucleare, l'esportazione del terrorismo e del fondamentalismo essenziale per la sua sopravvivenza in un momento in cui si trova di fronte alla rovina. Il regime non abbandonerà mai il suo programma di armi nucleari attraverso negoziati e accondiscendenza.

Accordo sul trasferimento di una parte del 3,5 per cento di uranio arricchito in Turchia viene annunciato mentre migliaia di centrifughe a Natanz operano in aperta violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

La Presidente eletta della Resistenza Iraniana ha espresso rammarico per il ruolo svolto dal Brasile e dalla Turchia per salvare gli assassini e i torturatori del popolo iraniano dalla crisi e dalla loro caduta. E ha concluso: “Il popolo iraniano desidera un cambio di regime, la democrazia, la pace e la stabilità nella regione. Nessuna manovra politica o alcun sostegno straniero potrà impedire al regime la sua inevitabile caduta. Otto anni dopo le rivelazioni della Resistenza Iraniana dei principali centri nucleari di Natanz e Arak, la politica non riuscita dei negoziati e di accondiscendenza dei mullah e l’offerta di pacchetti di incentivi per loro, che li hanno avvicinati alle armi nucleari, non possono essere giustificate in alcun modo.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
17 maggio 2010

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,407FollowersFollow