mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Prigioniero politico di 23 anni in condizioni critiche

Iran: Prigioniero politico di 23 anni in condizioni critiche

ImageTre zii di Misaq, Hassan, Hossein, e Ebrahim Sanjari, tutti i membri dell'Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI/MEK), sono stati giustiziati dal regime nel 1980. I suoi genitori hanno trascorso tre anni in carcere insieme al loro bambino di allora

CNRI – Un prigioniero politico di 23 anni, che ha trascorso gli ultimi due anni e mezzo in carcere, è in condizioni critiche. Misaq Yazdan Nezhad è detenuto nel Braccio 4 della prigione di Gohardasht nella città di Karaj.  

A causa della gravità delle torture inflittegli e delle circostanze di odiosa prigionia, quest'ultimo è affetto da malattie acute e di estrema angoscia mentale, ed è bisognoso di cure mediche urgenti. La contaminazione dell’ acqua potabile nella prigione di Gohardasht nel corso degli ultimi mesi e la diffusione di diarrea con sangue e altre gravi malattie, hanno contribuito al deterioramento della condizione di Misaq. Nonostante le raccomandazioni dei medici per un intervento, le autorità carcerarie hanno impedito allo studente universitario imprigionato di ricevere adeguate cure mediche.

Misaq è stato arrestato il 9 settembre 2007, per partecipare ad una cerimonia commemorativa per i prigionieri politici che sono stati giustiziati dal regime dei mullah nel 1988 e anche per avere fatto visita a sua sorella a Campo Ashraf, in Iraq. E 'stato trasferito nel famigerato Braccio 209 della prigione di Evin a Teheran. Lo scorso settembre, nel corso di un processo sommario, è stato condannato a 14 anni di prigione e ad un periodo di esilio.

Tre zii di Misaq, Hassan, Hossein, e Ebrahim Sanjari, tutti i membri dell'Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI / MEK), sono stati giustiziati dal regime nel 1980. I suoi genitori hanno trascorso tre anni in carcere insieme al loro bambino di allora.

La Resistenza Iraniana chiede a tutte le organizzazioni internazionali, in particolare all'Alto Commissario ONU per i Diritti Umani e ai relatori speciali per gli arresti arbitrari e la tortura, cosى come all’unione dei medici e ai sindacati, di adottare misure urgenti per indagare sulla situazione dei prigionieri politici in Iran, in particolare dei prigionieri in cattive condizioni di salute come Misaq Yazdan Nezhad.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
18 aprile 2010
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,465FollowersFollow