domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaZahra Gorji, prigioniera politica con problemi di salute è stata trasferita in...

Zahra Gorji, prigioniera politica con problemi di salute è stata trasferita in un luogo sconosciuto

Asadpour e suo figlio sono stati arrestati per aver fatto visita ai propri cari a Camp Ashraf in Iraq

ImageAttivisti per i Diritti Umani in Iran
Pubblicato da Figlie del Sole,
15 Aprile 2010
Secondo le ultime notizie, la prigioniera politica Zahra Asadpour Gorji ieri (14 aprile) è stata portata via dal carcere di Gohardasht a Karaj e condotta in un luogo sconosciuto.Questa prigioniera politica di 51 anni è stata trasferita dalla Sezione femminile l'11 Aprile per essere portata in un luogo non specificato.

Le sue condizioni di salute sono diventate critiche negli scorsi giorni al punto che non era più in grado di muovere la parte destra del corpo e perdeva sangue dal naso. Prima del Capodanno iraniano (20 marzo) i dottori dell'infermeria interna al carcere avevano richiesto un congedo urgente per i suoi gravi problemi di cuore ma Mohebi, capo della sezione interrogatori dell'Intelligence, ha impedito il suo rilascio e ha detto alla Signora Gorji: "Sarٍ d'accordo con il suo rilascio solo quando sarà il suo cadavere a dover lasciare il carcere".

Questa prigioniera politica ha fatto lo sciopero della fame per più di 6 giorni per protestare contro le pressioni psicologiche e le minacce che ha subito non solo lei, ma anche la sua famiglia e suo figlio Reza Jushan, che si trova in carcere.

Reza Jushan, il figlio, è stato trasferito dalla cella d'isolamento di Sepah in un'altra cella d'isolamento nel Braccio 6 del carcere di Gohardesht. Mohabi lo ha torturato psicologicamente e fisicamente nella cella di Sepah e come conseguenza il ragazzo ha riportato una grave lesione al ginocchio.

Mohebi ha anche aumentato le persecuzioni nei confronti di questa famiglia al di fuori del carcere. Ieri Fereshteh Jushan è stata convocata all'Agenzia dell'Intelligence e interrogata per più di un'ora. è stata sottoposta a pressioni psicologiche e minacciata di arresto. Mohebi le ha detto di essere la principale colpevole della fuga di notizie ai media sulle condizioni della madre e del fratello e che per questo sarebbe stata condannata dai 2 ai 3 anni di carcere.

Reza Jushan, 25 anni, è stato arrestato il 1° Dicembre 2009 con un'incursione degli agenti di sicurezza direttamente in casa sua. è stato portato in una cella d'isolamento nella sezione Sepah  e dopo due mesi trasferito al 4° braccio.

Il 7 Dicembre degli agenti hanno preso nuovamente d'assalto casa sua e hanno arrestato Zahra Asadpour Garji, sua madre, e l'hanno trasferita in una cella solitaria a Sepah.è stata portata alla sezione femminile dopo settimane di interrogatori e torture psicologiche e fisiche.

Asadpour e suo figlio erano già stati arrestati precedentemente per aver fatto visita ai propri cari a Camp Ashraf in Iraq e vennero rilasciati 16 mesi dopo aver scontato la sentenza. Sono stati condannati a un anno di carcere in esilio nel carcere di Znjan ed a 4 anni di esilio nel Villaggio Qeilar a Znjan l'8 Febbraio 2010 dalla Prima Sezione della Corte Rivoluzionaria.
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,416FollowersFollow