sabato, Dicembre 10, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran- Nucleare: L'insistenza dei Mullah nel continuare le attività nucleari

Iran- Nucleare: L’insistenza dei Mullah nel continuare le attività nucleari

ImageCNRI, 9 NOV- Questa mattina, il Sig. Mohammad Mohaddessin, Presidente del Commissione  per gli Affari Esteri del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), ha dichiarato che i commenti del Generale di Brigata Ali Larijani, Segretario del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale, con cui ha rifiutato la posizione ufficiale dell’Unione Europea  di lunedì riguardo la necessità di fermare tutte le attività nucleari, i diffusi abusi dei diritti dell’uomo e l’esportazione di terrorismo, "riflettono la determinazione del governo teocratico nel proseguire gli sforzi per acquisire le armi nucleari, violare i diritti dell’uomo ed esportare il terrorismo ed il fondamentalismo."

Mohaddessin ha aggiunto che i commenti, che sono stati riaffermati dal portavoce del Ministero degli Esteri del regime, "non lasciano spazio per ritardare il rinvio dei dossier iraniani relativi al nucleare, ai diritti dell’uomo e al terrorismo al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite."
Nella loro dichiarazione alla conclusione della sessione di lunedi a Bruxelles, i Ministri degli Affari Esteri dell’UE hanno espresso grave preoccupazione "per la ripresa di attività da parte dell’Iran nell’impianto di conversione dell’uranio a Isfahan" e "per le serie violazioni dei diritti dell’uomo", particolarmente per la rottura da parte di Tehran dei suoi obblighi riguardo al divieto di esecuzioni di minori.  Hanno inoltre sottolineato che il regime deve attenersi alla risoluzione di recente adottata dall’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, porre fine a tutte le attività relative all’arricchimento dell’uranio e mostrare rispetto per i diritti dell’uomo, il primato della legge e le libertà fondamentali.

"I punti della dichiarazione dell’UE contro l’Iran sono stati formulati con un atteggiamento estremista e mi sono opposto ad essi.  Sono stato contrario anche agli articoli riguardanti i diritti dell’uomo in Iran.  Se gli Europei si illudono di poter influenzare l’Iran con tali pressioni psicologiche, si sbagliano, " ha detto Larijani.
Anche il portavoce del Ministero degli Esteri Hamid-Reza Asefi ha rigettato la dichiarazione dell’UE.  Ha detto, "l’atteggiamento interventista e discriminatorio dell’UE riguardo ai diritti dell’uomo è inaccettabile". Asefi ha riaffermato "i diritti legittimi della Repubblica Islamica dell’Iran di usare la tecnologia nucleare" e ha detto, "l’Iran non rinuncerà ai suoi diritti e l’Europa deve riconoscere i diritti dell’Iran."
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana 

9 novembre 2005

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,489FollowersFollow