martedì, Novembre 29, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleiran - Maryam Rajavi porge le condoglianze per la morte dell’ Ayatollah...

iran – Maryam Rajavi porge le condoglianze per la morte dell’ Ayatollah Montazeri

La sig.ra Rajavi ha esortato il popolo a partecipare al suo funerale, scandendo gli slogan "Abbasso Khamenei" e "Abbasso col principio della Guida Suprema". Ha chiesto ai membri del clero di seguire il suo ordine di rimozione di Khamenei

ImageCNRI – Maryam Rajavi, presidente eletta della resistenza iraniana, ha porto le sue condoglianze per la morte dell’Ayatollah Hossein-Ali Montazeri.
Ha esortato i membri del clero ed i teologi di seguire il suo decreto che abroga il dominio tirannico di Khamenei e sottolineando la necessità di eliminare la posizione che egli ha usurpato e viola apertamente la sovranità del popolo iraniano.

Esso invita le persone a frequentare il suo funerale, cantando "Abbasso Khamenei" e "Abbasso con il principio della Guida Suprema".

Durante i primi dieci anni del regime dei mullah, l’ayatollah Montazeri è stato nominato successore di Khomeini, il fondatore e leader del regime.
Nel marzo del 1989, fu deposto da Khomeini per aver protestato contro il massacro dei membri dell'OMPI e oppositori del regime.
In questo massacro durato poche settimane sono stati uccisi circa 30.000 prigionieri politici.
La Sig.ra Rajavi ha affermato che il più grande onore per l’ayatollah Montazeri nella sua vita era stato il fatto di essere scomunicato da Khomeini come suo successore.

Pochi giorni dopo l'inizio del massacro dei prigionieri politici, verso la fine del mese di luglio del 1988, scrisse a Khomeini, affermando: "L'esecuzione di diverse migliaia di persone in pochi giorni non verrà certamente accettato con piacere … "
In una lettera datata 15 Agosto 1988, scrisse: "Queste uccisioni senza processo, soprattutto quando le vittime sono i prigionieri.. ب un errore affrontare con le esecuzione le idee e le ideologie… l’OMPI non è un gruppo di individui, rappresenta una ideologia ed una visione del mondo.
Ha una logica.
Ci vuole un po’ di buon senso per rispondere a un errore logico.
Non si puٍ correggere l'errore di uccidere, basta diffonderla.
In un'altra lettera rivolta a Khomeini, ha dissentito contro la violenza "di ragazze vergini in prigione".

Dopo il suo licenziamento, l'ayatollah Montazeri è stato sotto costante pressione del regime iraniano conducendo la sua vita agli arresti domiciliari a Qom con restrizioni molto severe.
In seguito all’ escalation della rivolta nazionale del popolo iraniano, Montazeri ha chiesto in un decreto la revoca di Khamenei avvertendo che dovrebbero prendere l’esempio da quello che è successo nel periodo di dittatura dello Scià.

Durante gli ultimi mesi della sua vita, Montazeri "uno dei fondatori del velayat-e faqih (monarchia assoluta) mi vergogno di me stesso e davanti a Dio Onnipotente, vedo la colpa per il sangue dei nostri cari martiri e per la violazione dei diritti degli innocenti ".

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
20 Dicembre 2009
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,396FollowersFollow