mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Maryam Rajavi lancia un allarme circa l’esecuzione dei detenuti

Iran: Maryam Rajavi lancia un allarme circa l’esecuzione dei detenuti

Maryam Rajavi si appella per raccomandare al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il dossier sui crimini dei mullah

ImageCNRI, 26 giugno  – Questo pomeriggio durante la preghiera di venerdi, il mullah Ahmad Khatami, un membro del Consiglio dei Guardiani del regime iraniano, ha descritto i dissidenti e i contestatori in Iran come “coloro che intraprendono una Guerra contro Dio” e ha affermato: “ Riguarda il leder Islamico confortare queste persone prima del loro totale annientamento”. Egli ha aggiunto: “Per legge, queste persone sono considerate come Mohareb (guerra intrapresa contro Dio)”. Ha esortato la magistratura a “contattare i capi della rivolta affinché gli infliggano una lezione esemplare per tutti”.

Il Presidente della Resistenza Iraniana, Mrs. Maryam Rajavi, ha messo in guardia il Segretario Generale delle Nazioni Unite, il Consiglio di Sicurezza, e l’Alta Commissione per i Diritti Umani riguardo la prospettiva di esecuzioni di detenuti della recente ribellione in Iran, e ha raccomandato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il dossier sui crimini del regime Iraniano, in particolare per quanto concerne il mancato rispetto dei diritti umani e l’esportazione del terrorismo. Ha inoltre esortato le Nazioni Unite a sospendere le relazioni diplomatiche con il regime e ad imporre ampie sanzioni contro di esso fino a quando non sarà definitivamente abbattuto.

Lei ha aggiunto: “Da quando l’attuale fascismo religioso che governa in Iran non è stato capace di far terminare le proteste usando i suoi metodi crudeli di repressione, massacrando manifestanti, in particolare giovani, donne e studenti, esso pianifica di uccidere gli indifesi prigionieri per innalzare il clima di terrore e paura”. Mrs. Rajavi continua dicendo: “ l’escalation delle lotte interne del regime, in aggiunta alla sollevazione popolare degli Iraniani, segna l’inizio della fine del regime dei velayate-faqih (governo assoluto del clero), ed esecuzioni, soppressioni e massacri non possono più precludere la realizzazione del desiderio del popolo di cambiare l’Iran.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
26 Giugno, 2009
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow