mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: in 6 giorni, 16 persone impiccate in diverse città

Iran: in 6 giorni, 16 persone impiccate in diverse città

ImageCNRI, 12 maggio – Negli ultimi 6 giorni, il regime iraniano ha impiccato 16 prigionieri a Teheran, Isfahan, Shiraz, Kerman, Khash e Zahedan.
Secondo le notizie all'interno dell' Iran, Martedì 12 Maggio, due prigionieri identificati come Mohsen Sadeghi, 35 anni, e Choupani Reza, 40 anni, sono stati impiccati in carcere centrale di Isfahan. Una giovane madre di 37 anni identificato come Maryam Rezaipour è stata presa di isolamento dal 10 maggio in attesa all'impiccagione.

Il 10 e l'11 maggio, tre altri sono stati impiccati nella stessa prigione. Esse sono state identificate come Mahmoud Karimi, 27 anni, Hossein Baqeri, 32 anni, e Alireza Málek Mohammadi, 35 anni.

Gli altri impiccagioni negli ultimi sei giorni sono:

L'11 maggio, due prigionieri, Mohammad Mehdi Kh. Reza S. Gholi sono stati impiccati in carcere di Zahedan carcere (ISCA News, 11 maggio 2009).

Il 9 maggio, due prigionieri identificati solo con il loro iniziali, AM, 29 anni, e AR, 36 anni, sono stati impiccati in carcere di Adelabad Shiraz (ISCA News, 9 maggio 2009).

Il 7 maggio, un giovane 24 enne, è stato impiccato al famigerato carcere di Evin a Teheran.

Il 7 maggio, una donna e quattro uomini, identificati come Sorour, Mahmoud Mohammadi, Majid P., Saeed D., e Sattar N., sono stati impiccati alla prigione di Kerman (Fars News Agency).

Il 6 maggio, un prigioniero identificato come Abdolbarat Nourzehi è stato impiccato presso il carcere di Khash.

Il numero di esecuzioni di quest'anno è salito a 181, indicando un aumento 70 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il crescente numero di condanne a morte eseguite dal regime clericale rivela che, la dittatura religiosa in Iran nella sua fase finale, non ha altra scelta se non quella di affrontare con crescente resistenza e proteste popolari, attraverso esecuzioni barbarie e medievale.

La Resistenza Iraniana chiede a tutte le organizzazioni internazionali per i diritti umani, in particolare l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, a condannare il deterioramento della situazione dei diritti umani in Iran, e di rinviare il dossier sulla violazioni dei diritti umani del regime clericale iraniano al Consiglio di sicurezza dell'ONU, per l'adozione immediata e di misure vincolanti per mettere fine alla pena capitale in Iran.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
12 maggio, 2009

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,476FollowersFollow