sabato, Dicembre 3, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Il regime dei Mullah ha lapidato un uomo nella città di...

Iran: Il regime dei Mullah ha lapidato un uomo nella città di Rasht

ImageCNRI, 5 maggio – Martedì, in risposta ad una domanda che riguarda alla lapidazione recente di un uomo nella città di Rasht, nel nord dell'Iran, Ali Reza Jamshidi, il portavoce del potere giudiziario dei mullah, ha detto: “la lapidazione è stata effettuata durante  il mese iraniano di Esfand„ che si è conclusa il 20 marzo.
 La resistenza iraniana aveva riferito recentemente che il 5 marzo un uomo di 30 anni, da Pars-Abad di Moghan nel nord dell'Iran, è stata lapidata a morte nella prigione di Lakan a Rasht. Si chiamava Vali Azad.

La magistratura locale aveva rifiutato di rendere il corpo alla sua famiglia e la aveva sepolta in un luogo sconosciuto. Il quotidiano ufficiale Aftab-e-Yazd ha riferito che un funzionario di 30 anni, identificato sola iniziale “dal V„, è stata lapidata a morte nel carcere di Rasht il 5 marzo, che conferma le notizie.
In un altro caso, il 13 gennaio, il portavoce del potere giudiziario dei mullah ha confermato le notizie rivelate dalla Resistenza Iraniana sulla lapidazione segreto e brutale del 26 dicembre 2008 di tre persone al cimitero di Behesht-e Reza della città santa di Mashad.

Mahmoud Hashemi Shahroudi, capo del giudiziario dei mullah, aveva in passato annunciato, in una manovra ingannevole, una moratoria sulla lapidazione. Il suo portavoce si è spiegato su quest'incoerenza manifesta, come pure la motivazione di applicare la pena crudele per lapidazione, dicendo che: “Considerando l' indipendenza dei giudici, finché il divieto di lapidazione non è diventata legge, è possibile che le raccomandazioni del capo del potere giudiziario restino senza seguito. „

Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

5 maggio 2009

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow