mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Il comandante dei FSS del Grande Tehran revocato su ordine di...

Iran: Il comandante dei FSS del Grande Tehran revocato su ordine di Khamenei

ImageIl comandante dei FSS del Grande Tehran revocato su ordine di Khamenei per l'insuccesso delle misure repressive del regime

CNRI – Ali Khamenei, guida suprema dei mullah ha revocato il generale Azizollah Rajabzadeh, comandante delle Forze della sicurezza dello stato del Grande Tehran (FSS), e l'ha sostituito con il generale Hossein Sajedinia.

La revoca interviene dopo una valutazione dei dirigenti del regime a seguito del sollevamento coraggioso della popolazione e della gioventù il giorno dell'Ashura il 27 dicembre. Si sono detti inquieti per il fatto che il giorno di Ashura, l’eroico popolo ed i giovani sono riusciti a liberare cinque zone del Grande Tehran costringendo provvisoriamente le forze della repressione a ritirare. Hanno sottolineato che se questi cinque settori avessero unito i loro sforzi, Tehran sarebbe caduto.

La valutazione che consegue dopo numerose riunioni in seno al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (CGRI) e dei FSS, attribuisce una delle ragioni della scalata delle proteste dell'Ashura alla debole prestazione dei FSS.

La valutazione cita Rajabzadeh di " l'incompetenza" e considera l'episodio in cui è stato picchiato da una manifestante, come una "vergogna" e "demoralizzando" per le forze repressive del regime. I dirigenti del regime notano anche "lo stato di impotenza" di Ahmad Reza Radan, il Vice comandante dei FSS, e la diffusione del suo viso "ferito" e spaventato alla televisione di stato, il giorno dell'Ashura come un fattore di abbattimento e di paura per gli agenti repressivi.

Le riunioni hanno insistito sulla necessità di riorganizzare i FSS, in particolare i suoi comandanti, ma è stato deciso che a causa dell'impatto distruttivo di questi cambiamenti sulle forze ed il loro effetto positivo sul morale dei manifestanti, queste misure sarebbero riportate dopo il 11 febbraio. I cambiamenti proseguiranno sugli ordini di Khamenei e gli elementi più criminali saranno promossi.

Sadjedinia, il nuovo comandante dei FSS di Tehran, è stato uno dei comandanti responsabili dell'invio sulle fronti delle forze durante la guerra di otto anni contro l'Iraq. Non ha smesso di essere ai vertici grazie ai suoi crimini senza limite nell'invio di giovani alla morte sui campi di battaglia. In seguito, ha lavorato presso la sede delle forze terrestri del IRGC, al QG della milizia del Bassidj, al comando delle operazioni del Bassidj, alla sede ed al comando delle operazioni dei FSS incaricata dei crimini della dittatura religiosa.Una delle ragioni della sua nomina si lega alla sua esperienza nel Bassidj, unita alla sua insistenza sull'utilizzazione della milizia del Bassidj coi FSS per reprimere le persone durante le manifestazioni. Ha sostenuto un ruolo attivo nella repressione del sollevamento in questi ultimi otto mesi.Questi cambiamenti dimostrano la disperazione del regime dei mullah dinanzi alla rivolta nazionale e non potranno né alleggerire i problemi del regime, né fermare la sua caduta inevitabile.

Segreteria del Consiglio nazionale della Resistenza Iraniana
22 febbraio 2010
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow