mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIRAN: Due lavoratori attivisti condannati dalla magistratura dei mullah

IRAN: Due lavoratori attivisti condannati dalla magistratura dei mullah

ImageCNRI,  31 Ottobre  – Il Sig. Mansour Osanlou,capo della commissione esecutiva del Sindacato dei Lavoratori di Tehran e della Compagnia dei trasporti periferici (SWTBC), e il suo vice, il Sig. Ebrahim Madadi, sono stati condannati a cinque e tre anni di carcere dalla magistratura dei mullah con l’accusa di"azioni contro la sicurezza nazionale", come ha riportato l’agenzia di stampa ISNA.

Il 10 Luglio 2007,nel corso dell’arresto da parte delle Forze di Sicurezza (SSF) e degli agenti del Ministero dei Servizi Segreti(MOIS), il Sig. Osanlou è stato seriamente pestato tanto da causargli un deterioramento della vista.
L’operazioni agli occhi è stata compiuta grazie alle pressioni della famiglia e dell’Unione dei lavoratori, che ha espresso preoccupazione per le sue condizioni.

La decisione di riportarlo in prigione a dispetto delle sue condizioni è stata presa dal famoso giudice Hassan Zare Dehnavi ,conosciuto come Hassan Haddad, deputato alla sicurezza dell’esecutore di Tehran.

Dehnavi ha un lungo record di prigionieri politici molesti. Per esercitare ancora più pressione su Madadi, hanno deciso di trasferirlo dal braccio 209 della famosa prigione di Evin al carcere Qazel-Hesar, riservato ai criminali comuni.

La Resistenza iraniana chiama tutte le organizzazioni umanitarie e le unioni dei lavoratori,soprattutto la Federazione internazionale dei Trasporti dei Lavoratori (ITF) , a condannare le misure anti-lavoro e a dare vita a delle azioni urgenti per liberare Osanlou e Madadi.

Segretariato del Consiglio nazionale della Resistenza Iraniana
31 Ottobre 2007
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow