mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Appello all'ONU per ridare le macchine e i beni rubati dei...

Iran: Appello all’ONU per ridare le macchine e i beni rubati dei residenti di Ashraf

ImageCNRI, 12 gennaio – Dopo sei mesi dal vile attacco delle forze irachene al Campo di Ashraf, 28 e 29 luglio 2009, non sono stati resi i loro beni sequestrati dagli iracheni.
Nel violento attacco sono stati uccisi 11 membri di Ashraf, 130 portano mutilazioni permanenti di vari gradi, 370 feriti e più di 1000 percossi violentemente e 36 sono stati rapiti.

In questo attacco le forze irachene hanno recato danni ai beni dei residenti di Ashraf pari a circa 2,537 milioni di dollari, tra cui 39 camion cisterne di valore 1,177 milioni di dollari sono stati sequestrati dalle forze irachene e tuttora nelle loro mani.
I residenti di Ashraf che sono soggetti ai più disumani accerchiamenti. Hanno più volte chiesto la resa dei loro beni, ma il comitato di repressione del governo iracheno per Ashraf continua a ignorare la loro richiesta. In questi mesi i camion abbandonati hanno subito molti danni e sono stati sfasciati e derubati i loro pezzi.
La Resistenza Iraniana, ricordando gli articoli 52 e 53 dell'Aia e l'articolo 55 della IV Convenzione di Ginevra e ricordando che la confisca dei beni dei residenti di Ashraf è una palese violazione delle leggi internazionale e dei diritti fondamentali della Carta universale dei diritti umani, si appella al Segretario generale dell'ONU, al Consiglio di Sicurezza, all'Alto commisariato per i diritti umani, al rappresentate speciale del Segretario generale in Iraq e all'UNAMI per un intervento urgente affiche i beni dei residenti di Ashraf gli sia resa.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
12 gennaio 2010

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,476FollowersFollow