martedì, Novembre 29, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIl regime iraniano prepara un dispiegamento di forze per muovere una guerra...

Il regime iraniano prepara un dispiegamento di forze per muovere una guerra settaria in Iraq

Il regime iraniano prepara un dispiegamento di forze per muovere una guerra settaria in Iraq, in caso di vittoria dei nazionalisti

Alla vigilia delle elezioni in Iraq, il regime dei mullah ha assegnato gruppi affiliati alle Forze di Qods per l'assassinio dei leader nazionalisti iracheni e prepara le forze a muovere una guerra settaria in caso di vittoria nazionalista
 
ImageCNRI – Proprio alla vigilia delle elezioni irachene, il regime iraniano ha intensificato gli sforzi per influenzare i risultati delle elezioni con diffusi brogli e ha aumentato la sua congiura contro figure nazionaliste indipendente e movimenti a livelli senza precedenti. Queste azioni si svolgono nel timore di isolamento crescente dei suoi gruppi affiliati e in risposta a un immenso sostegno ai movimenti indipendenti e nazionalisti che si oppongono alla dominazione del regime dei mullah in Iraq.

Da un lato i mullah hanno assegnato gruppi speciali delle Forze di Qods per assassinare personaggi iracheni che si oppongono al regime iraniano, mentre dall’altro hanno preparato le loro forze affiliate per una guerra settaria, in caso di vittoria da parte dell'alternativa irachena.

Valutazioni da parte del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale del regime iraniano, nonché i rapporti che vengono riesaminate regolarmente da Khamanei, indicano che se l'elezione prendere la sua via naturale, ci sarà una grande chance di vittoria da parte dei movimenti nazionalisti e indipendenti, con conseguente perdita di egemonia da parte del regime e dei suoi soggetti affiliati in Iraq. I rapporti sono preparati da Qods Force del regime iraniano, l’Ambasciata a Baghdad, specialmente il quartier generale degli affari iracheni e i loro partiti politici prodotti in Iraq.

Khamanei e il Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale hanno assegnato a Ghasem Soleimani, capo delle Forze di Qods, di eseguire un piano specifico per eliminare nazionalisti e personalità indipendenti irachene.

Successivamente, la Forza Qods ha tenuto una conferenza speciale a gennaio per i comandanti dei gruppi terroristici speciali. Un funzionario di Forza Qods ha detto in questo briefing che l'Iraq è in condizioni critiche e che le forze si oppongono al regime iraniano possono vincere le elezioni. L'egemonia in Iraq dovrebbe rimanere nelle mani delle forze di affiliati al regime iraniano a qualsiasi costo e in nessun modo dovrebbe essere affidato a figure come Allawi e Mutlak. Se queste persone vinceranno le elezioni, una guerra settaria dovrebbe essere condotta simile a quella degli anni 2007 – 2008, gli incidenti, come al Santuario di Samarra dovrebbero iniziare ripetersi ed i personaggi e i loro sostenitori se baathisti, sunniti o laici dovrebbero essere assassinato. Elementi di organi di sicurezza iracheni non in linea con quelli del regime dovrebbero essere eliminati e gli organi di sicurezza devono accettare i risultati premeditati del regime.

Dopo il briefing, le forze speciali hanno realizzato opportuni cambiamenti strutturali per accrescere il rendimento della squadra e reclutare nuovi membri, con maggiori capacità di combattimento e un senso di sicurezza più elevato. Essi sono stati provvisti di una maggior potere decisionale autonomo di uccidere in diverse regioni del paese in auto o a piedi. Sono stati organizzati in squadre di 4-5 persone. Ogni 20 squadre riceveranno ordini di assassinare un comandante. La Forza Qods fornirà tutta la logistica per le squadre, compresa la formazione, gli armamenti, come silenziatori e bombe d’ attacco. La Forza Qods ha elaborato una fatwa che recita "gli elementi relativi alla Allawi e Matlak indiscriminatamente sono mohareb e devono essere giustiziati come corrotti sulla terra in base alla sharìa."

In un rapporto alla Forza Qods, il capo del corpo di comando di queste squadre speciali assassine a Baghdad, scrive: "La nostra organizzazione ha eseguito più di 50 omicidi solo negli ultimi 4 giorni in regioni come New-Baghdad, Sadr City, Al-Shaab , al-Qanat Jaish, Karrada e in altre zone di Baghdad. Obiettivi sono stati  capi militari e funzionari per la sicurezza, un giudice a Rassafa e un altro giudice che è stato coinvolto in grandi crimini. E ha aggiunto:" Quest’organizzazione ha assassinato in media 10-12 persone al giorno ".

Secondo un rapporto a Qods che entrerà in vigore il 3 marzo 2010, circa 400 operazioni a Baghdad e in altre città sono stati eseguite da gruppi speciali durante gli ultimi 25 giorni.
 

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
6 marzo 2010

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,396FollowersFollow